BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PIL E LAVORO/ Le macerie dietro i dati in miglioramento

08/06/2017

Non è facile capire se siamo davvero fuori dalla crisi o meno. Al di là dei dati su occupazione, reddito e consumi, dice GIAN LUCA BARBERO, preoccupa l'atteggiamento della politica

La crisi economica ha segnato profondamente la realtà produttiva di tutto il mondo, portando inevitabilmente a un aumento della disoccupazione. Quanto ci vorrà a tornare alla situazione di prima? Quali ricette è meglio applicare? Come cambierà il mondo del lavoro dopo questa crisi? Queste le domande che tutti si pongono. In questo dossier, il sussidiario.net raccoglie i contributi di economisti, sindacalisti e giuslavoristi.

20/05/2017

PIL E LAVORO/ L'alternativa a rivoluzioni e "vaffa" per la ripartenza dell'Italia

Il Rapporto Istat ha certificato che il periodo di recessione cominciato nel 2008 è alle spalle. Ma anche che le disuguaglianze sono aumentate. Il commento di GERARDO LARGHI

03/03/2017

SPILLO/ Quella domanda che manda in tilt il reddito di cittadinanza

I dati sull’occupazione comunicati ieri dall’Istat arrivano in un momento in cui si riacceso il dibattito sul reddito e il lavoro di cittadinanza. Il commento di EMMANUELE MASSAGLI

18/08/2016

I NUMERI/ Redditi, i dati drammatici dell'Italia

Recentemente è stato pubblicato uno studio della McKinsey che contiene dei dati drammatici riguardo il futuro percepito dagli italiani. Ce ne parla GIANCAMILLO PALMERINI

13/08/2016

IL CASO/ Pil e occupazione, c'è chi prova la "svolta"

I dati su Pil e occupazione ci dicono che la crisi non è passata. Occorre dare una svolta e la parti sociali in Italia ci stanno in qualche modo provando, spiega MASSIMO FERLINI

06/08/2016

SPILLO/ I "furbetti del precariato" aiutati dallo Stato

Un'inchiesta dell'Espresso fa emergere il precariato contrattuale e salariale in Italia. GERARDO LARGHI ci aiuta a inquadrare meglio questo fenomeno non marginale

07/06/2016

SPY FINANZA/ La verità sul lavoro in Europa e Italia

Rispetto a un passato nemmeno troppo lontano, la situazione occupazionale dei giovani europei è molto cambiata e anche l’Italia ne fa le spese, spiega MAURO BOTTARELLI

06/06/2016

SPY FINANZA/ La guerra tra poveri pronta per l’Europa

Negli Stati Uniti, come in Giappone e in Europa, non si vedono segnali positivi per l’occupazione, nonostante dei numeri definiti incoraggianti. Di MAURO BOTTARELLI

15/02/2016

CONSIGLI NON RICHIESTI/ La "lista" per sbloccare Pil e lavoro

I dati sul Pil mostrano che ancora non c’è la necessaria svolta o spinta per una ripresa capace di creare lavoro in Italia. Occorre uno sforzo in più, spiega GERARDO LARGHI

09/01/2016

SPILLO/ Bonanni: il Governo esulta, ma l'Italia resta "senza lavoro"

Il Governo festeggia per i dati sulla disoccupazione. Tuttavia, ricorda RAFFAELE BONANNI, ci sono ancora imprese che chiudono o delocalizzano: così si perdono posti di lavoro

02/12/2015

DISOCCUPAZIONE 11,5%/ Bonanni: un flop "mascherato" dal Jobs Act

Ieri l'Istat ha diffuso i nuovi dati sulla disoccupazione in Italia, che risulta scesa fino all'11,5%, miglior dato degli ultimi tre anni. Il commento di RAFFAELE BONANNI

21/10/2015

MANOVRA 2015/ I numeri che smontano le "aspirine" per il lavoro

Le misure della Legge di stabilità, spiega GIANCAMILLO PALMERINI, non sembrano poter essere molto incisive nella creazione di occupazione, visti anche i dati sulla Cig

02/10/2015

Lavoro e anziani: non è mai troppo tardi

Abbassare l'età del pensionamento è uno dei grandi temi di discussione di questi giorni. Ma siamo sicuri che andare in pensione prima sia un bene? GIORGIO VITTADINI

01/10/2015

EFFETTO #JOBSACT/ I due "scherzi" nella festa di Renzi

Per FRANCESCO FORTE, se ci accontentiamo di una disoccupazione totale all’11,9%, teniamo presente che di questo passo per arrivare alla situazione pre-crisi ci vorranno sette o otto anni

30/08/2015

SPILLO/ Riforma pensioni e tasse, c'è una "emergenza" che conta di più

Guardandosi attorno GIAN LUCA BARBERO non può non notare che la politica dovrebbe dare priorità al lavoro, prima anche che all'abolizione della Tasi o alla riforma delle pensioni