BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Interviste a: Gianni Baratta

Nato a Civitavecchia (Roma) il 18 giugno 1955. Diploma di maturità scientifica. Studi universitari in Giurisprudenza. Entra nella CISL nel 1976. Nel 1978 lavora nella FISASCAT-CISL (Federazione Italiana Sindacato Addetti Servizi Commerciali Affini e del Turismo) di Roma. Nel 1986 entra nella FISASCAT-CISL Nazionale diventandone, nel 1987, Segretario Nazionale e, nel 1994, Segretario Generale. Viene successivamente riconfermato nei Congressi del 1997, 2001 e 2005. Attualmente riveste i seguenti incarichi: Nel 2006 è eletto, prima componente della Segreteria Generale, poi Segretario Confederale della CISL Nazionale con deleghe alle politiche settoriali e contrattuali nei settori industria e artigianato, all'energia e alla riforme della pubblica amministrazione, decentramento amministrativo e politiche contrattuali del settore pubblico, alla giustizia e sicurezza. Presidente dell'EBINTER (Ente Bilaterale Nazionale Terziario). Consigliere del CNEL nella VIII Consiliatura. Ha redatto diversi articoli per quotidiani e per la stampa sindacale su argomenti sindacali nei settori del commercio, turismo, servizi e sulle politiche sociali.

TitoloData

MONTI/ Baratta (Cisl): i sindacati faranno la loro parte. Ma il governo?

"Le parti sociali devono capire che la sorte dei lavoratori, delle imprese e del Paese è nelle loro mani". Questo l'appello lanciato dal premier Mario Monti, a cui risponde GIANNI BARATTA
05/09/2012

SPENDING REVIEW/ Statali e prepensionamenti. Baratta (Cisl): una verifica può evitare nuovi ...

GIANNI BARATTA spiega perché tagliare indiscriminatamente senza conoscere effettivamente le condizioni della 14mila aziende pubbliche provocherà danni terribili alla nostra economia
10/07/2012

DIPENDENTI STATALI/ Baratta (Cisl): prepensionamento per gli over 60? Evitiamo un nuovo caso ...

Il piano di spending review di Enrico Bondi potrebbe prevedere una massiccia azione di pensionamento anticipato nei confronti di 231 mila lavoratori. Ne parliamo con GIANNI BARATTA
18/06/2012
Per gli articoli più vecchi non presenti in elenco usa il motore di ricerca Qui