BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Interviste a: Piero Colaprico

Piero Colaprico (Putignano, 8 dicembre 1957) è un giornalista e scrittore italiano. Laureato in Giurisprudenza, vive a Milano, dove come giornalista si occupa di giustizia e cronaca nera. Ha coniato il termine Tangentopoli, riferendolo a un sistema di bustarelle ecorruzione nel comune di Milano, alcuni mesi prima che lo scandalo del Pio Albergo Trivulzio desse origine al fenomeno noto come Mani pulite. Come scrittore ha pubblicato alcuni saggi con taglio giornalistico (Duomo Connection, Manager Calibro 9 dedicato alla malavita milanese o Capire tangentopoli - pubblicato nel 1996) e romanzi e racconti gialli. Ha scritto con Pietro Valpreda i primi tre libri della serie con il maresciallo Binda quale protagonista: Quattro gocce di acqua piovana, La nevicata dell'85 e La primavera dei maimorti. La saga proseguirà con L'estate del Mundial e La quinta stagione , scritti dal solo Colaprico dopo la morte di Valpreda. Nel 2004 esce La Trilogia della città di M, un romanzo di tre lunghi racconti ambientati a Milano (come i libri della quadrilogia di Binda) con protagonista l'ispettore Bagni. Il libro si aggiudica il Premio Scerbanenco, ex aequo con Sorelle di Barbara Garlaschelli. È inviato per La Repubblica.

TitoloData

MAFIA IN EXPO?/ Colaprico: Beppe Sala estraneo, ma la Fiera nasconde qualcosa...

Undici persone sono state arrestate nell’ambito di un’inchiesta che riguarda la realizzazione di alcuni padiglioni per Expo 2015. C'è l'aggravante della finalità mafiosa. PIERO COLAPRICO
07/07/2016

YARA GAMBIRASIO/ Colaprico: c'è un buco nero tra la madre di Massimo Bossetti e il figlio

Indagando sui comportamenti di Massimo Bossetti gli inquirenti hanno ricostruito un comportamento che desta sospetti. In questa intervista PIERO COLAPRICO spiega di cosa si tratta
09/10/2014

INTERCETTAZIONI/ Colaprico: Renzi, la "discussione" tra politici e giornalisti non ha senso

Per PIERO COLAPRICO, più che tra lecito e illecito, il confine andrebbe posto tra ciò che è opportuno e ciò che non lo è. E’ probabile che molte intercettazioni siano inopportune
02/07/2014
Per gli articoli più vecchi non presenti in elenco usa il motore di ricerca Qui