BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Interviste a: Guido Merzoni

Guido Merzoni è professore ordinario di Economia politica presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ha studiato presso l'università di Warwick (Regno Unito), dove ha conseguito il Ph.D. in Economics. E’ coordinatore della Scuola di dottorato in Istituzioni e Politiche della Facoltà di Scienze politiche dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, membro del Coordinamento editoriale e del Comitato scientifico della rivista Economia politica – Journal of Analytical and Institutional Economics, socio ordinario della Società Italiana degli Economisti, della European Association of Labour Economists e membro del Consiglio Scientifico del Cranec dell'Università Cattolica. I suoi interessi di ricerca riguardano: l'analisi economica delle istituzioni, i giochi ripetuti a informazione incompleta e la reputazione, la teoria della delega e dei contratti, il capitale sociale e la sussidiarietà.

TitoloData

ALLARME SQUINZI/ Perché tutti lo sanno ma nessuno fa niente?

Il Presidente di Confindustria avverte che se non si riduce la pressione fiscale le imprese moriranno. Disposto a rinunciare agli incentivi statali. Il commento di GUIDO MERZONI
30/09/2012

FINANZA/ Ecco perché tagliare gli "aiuti" alle imprese non riduce lo spread

GUIDO MERZONI fa presente che le uniche misure in grado di tamponare lo spread consistono nella regolamentazione dei mercati finanziari e nell’entrata in campo della Bce
18/07/2012

EVASIONE FISCALE/ L’esperto: l’Ue "sbaglia", sono altri i problemi che affossano l'Italia

Per GUIDO MERZONI la crescita italiana, benché la nostra economia stia reggendo alla crisi meglio di quella degli altri Paesi, è bloccata da tre fattori diversi da quanto stabilito dall’Ue
28/05/2012

SPREAD/ Quel "trucco" di Monti che ha conquistato l'Europa

GUIDO MERZONI, professore di Economia politica presso la Cattolica di Milano, commenta in questa intervista lo spread a quota 308 punti, che non si registrava dall’inizio di settembre
02/03/2012
Per gli articoli più vecchi non presenti in elenco usa il motore di ricerca Qui