BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Interviste a: Ebrahim Nabavi

Nato nel 1958 ad Astarabad, figlio di un funzionario, dopo aver cambiato più volte città, a 18 anni s'iscrive all'Università di Shiraz. Negli anni universitari, milita in quasi tutti i partiti: da quello comunista a quelli religiosi integralisti, passando per i mujahedin e i seguaci del teologo modernista Shariati. In seguito, dopo aver ricoperto alcune cariche politiche, abbandona la politica e incomincia a scrivere per giornali satirici, ma la censura lo ostacola. In seguito, per due volte, nel 1998 e nel 2000, finisce in carcere per la sua scrittura “irriverente”. Uscito dal carcere, Ebrahim Nabavi, che è anche vincitore del premio libertà di espressione Helman Hammet, ha creato un sito Internet in persiano, che oggi ha circa 15.000 visitatori al giorno, e ha deciso di abbandonare il paese per trasferirsi in Belgio, da dove non intende rimpatriare in tempi brevi.

Per gli articoli più vecchi non presenti in elenco usa il motore di ricerca Qui