BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Sbarcano i brasiliani: in 500 a Roma per Cicinho. Emerson a Milano

Una folla a Fiumicino per il neogiallorosso. A Emerson il 5 di Billy Costacurta: i tifosi avrebbero voluto ritirare la maglia. Gourcouff in prestito al Rennes, si riavvicina Baptista?

cicinhosbarca_FN1.jpg(Foto)

Entusiasta il nuovo pendolino «Qui per vincere»
Neanche lui, quasi certamente, si aspettava una simile accoglienza: al momento dello sbarco a Fiumicino ieri alle 15, Cicinho è stato letteralmente travolto dall’affetto di oltre 500 tifosi giallorossi.
L’ultimo, preziosissimo tassello del mercato della Roma è costato 9 milioni di euro (più due se la Roma arriverà in Champions almeno due volte nei prossimi 5 anni): al terzino brasiliano un quinquennale che va dai 3,6 e sale fino ai 4 milioni di euro annui. Queste le sue prime parole da giallorosso: «Grazie alla Roma, che ha creduto in me e mi ha voluto fortissimamente. Grazie ai tifosi, questo entusiasmo è incredibile. Darò il massimo anche qui per aiutare i miei compagni e cercare di vincere, mostrando il mio calcio migliore. Al Real se giocavo tre gare bene e una male finivo in panchina. Schuster voleva tenermi, ma io non volevo restare per fare il terzo laterale: meglio la Roma».
Cicinho, che subito dopo l’arrivo in Italia ha sostenuto le visite mediche, con tutta probabilità indosserà la maglia numero 3. La società è in attesa del transfer: pratiche già avviate per l’acquisizione, ma quasi impossibile l’arrivo prima della gara di domenica col Palermo. È grande, comunque, la soddisfazione tra i dirigenti giallorossi: certo l’affare non è stato dei più agevoli. Il giorno stesso dell’annuncio, Calderon aveva dapprima sparato la cifra di 15 milioni, poi ha offerto Cicinho per Robben al Chelsea, tanto che la Roma aveva chiesto Miguel al Valencia. L’acquisto di Heinze (Manchester Utd) da parte dei madridisti ha però sbloccato l’affare: «Siviglia e Liverpool hanno tentato di soffiarcelo» ha rivelato Bruno Conti, «ma lui ha scelto noi, e ne siamo contenti».

Il Puma: «Arrivo nel club migliore del mondo»
Tempo di arrivi anche in casa Milan: alle 19, a Linate, è giunto Emerson. «Sono contento, volevo andar via da Madrid e venir nel miglior club del mondo. Mi sento rinato. Calderon si è comportato male con me: mai una parola, mai un gesto. Chi comanda ha creato un muro tra sé e la squadra».
Il brasiliano si è ridotto lo stipendio di 1,5 milioni di euro pur di approdare alla corte di Ancelotti. E sulla sua salute afferma: «Non ho la pubalgia. Ora mi allenerò per trovare quanto prima la migliore condizione». Una piccola polemica è esplosa attorno al numero che indosserà il Puma: lo storico 5 di Billy Costacurta, che dunque non sarà ritirato come il 3 di Maldini ed il 6 di Baresi. Molti tifosi rossoneri avrebbero preferito vedere la maglia di Billy tra quelle non più indossabili. Il mercato rossonero, comunque, non è ancora chiuso: Julio Baptista del Real, chiuso dai nuovi olandesi Drenthe e Robben, è destinato a cambiar maglia, ed il Milan potrebbe approfittarne. Probabile invece in uscita la cessione in prestito di Gourcuff, che con l’arrivo di Emerson non avrebbe spazio sufficiente per mostrare il suo valore. Favorito il Rennes: ipotesi di 1,8 milioni di euro per il prestito, con il riscatto fissato a 9 milioni di euro.
Tra i tifosi, comunque, si sogna un nuovo brasiliano: Ronaldinho lunedì otterrà la cittadinanza spagnola, divenendo così comunitario, rendendo più agevole un suo eventuale trasferimento. Per adesso pare un’utopia, in futuro chissà. Certo che anche su questo si profila un nuovo derby: pare che anche l’Inter sia intenzionata a provare a rubare il gioiellino brasiliano al Barca.
(A.R.)

© Riproduzione Riservata.