BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Napoli in paradiso. Leggi le pagelle degli azzurri (Napoli-Juventus 2-1)

Pubblicazione:sabato 18 ottobre 2008

Lavezzi_R375_18ott08.jpg (Foto)

NAPOLI-JUVENTUS 2-1 (primo tempo 0-0)

 

MARCATORI: Amauri (J) al 16', Hamsik (N) al 19',Lavezzi (N) al 35' s.t.

 

NAPOLI (3-5-2): Iezzo; Santacroce, Cannavaro (19' s.t. Aronica), Contini; Maggio, Blasi, Gargano, Hamsik, Vitale (1' s.t. Mannini); Lavezzi, Zalayeta (23' s.t. Denis). (Navarro, Montervino, Pazienza, Russotto). All. Reja.

 

JUVENTUS (4-4-2): Manninger; Grygera, Knezevic, Chiellini, Molinaro (38' s.t. Giovinco); Salihamidzic, Poulsen (30' s.t. Ekdal), Marchisio, Nedved; Del Piero (26' s.t. De Ceglie), Amauri. (Chimenti, Ariaudo, Marchionni, Rossi). All. Ranieri.

 

ARBITRO: Saccani.

 

NOTE: spettatori 30.000 circa, chiuse le curve del San Paolo. Ammoniti Poulsen, Molinaro, Gargano, Blasi, Lavezzi, Salihamidzic, Grygera. Recupero: 0' p.t. e 3' s.t.

 

Iezzo 6,5: non è molto impegnato, ma dà sempre la sensazione di sicurezza

 

Cannavro 6: ordinaria amministrazione, ma non ha molto lavoro

 

Santacroce 6,5: è il futuro. Sicuro e attento, finché gioca così Cannavaro senior può rimanere a Madrid

 

Contini 6: fisico e grinta

 

Maggio 7: dirompente, è in condizioni fisiche strepitose, la fascia è sua, Molinaro esce triturato dal confronto. Deve giocare anche in nazionale

 

Gargano 6.5 solido e concreto, frangiflutti davanti alla difesa ma si propone anche

 

Hamsik 7: fa tutto e lo fa bene. Corre, recupera, riparte, va alla conclusione. Un centrocampista inestimabile. Con Lavezzi e Maggio è il grimaldello del Napoli

 

Blasi 6: senza infamia né lode. Ma si batte con grinta, quella che servirebbe alla Juve

 

Vitale 5: quando la Juve affonda lo fa dalla sua parte

 

Lavezzi 7: un genio. Durante la partita ha delle pause, ma quando si accende è luce al San Paolo

 

Zalayeta 5: nota stonata nell’orchestra Napoli

 

Reya 6,5 : Il Napoli è sempre più concreto. Gran parte del merito è suo

 

Mannini 6,5: entra nella ripresa e con la sua corsa si integra alla perfezione nei meccanismi di Reya

 

Denis sv: gioca troppo poco

 

Aronica 6: ordinaria amministrazione



© Riproduzione Riservata.