BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MILAN/ Galliani conferma: Beckham rossonero

Pubblicazione:

beckhamR375_22ott08.jpg

E’ ufficiale. Lo ha annunciato questa mattina a Malpensa l’amministratore delegato del Milan Adriano Galliani prima di imbarcarsi con la squadra e lo staff rossonero per l’Olanda, per la prima giornata del girone di Coppa Uefa. « Arriverà? Sì, credo proprio di sì» ha annunciato Galliani. «Resterà qui al Milan in prestito per qualche mese, ne stiamo parlando con il suo agente. Lo tessereremo per qualche mese e poi ripartirà». Sembrava una battuta, una boutade, l’arrivo di Beckham a San Siro, ma a poco a poco si è trasformata in verità.

 

Già stamani il Corriere della Sera riportava che il Milan stava studiando una sorta di prestito con i Los Angeles Galaxy, club detentore del cartellino dell’inglese, per fare in modo che Beckham si trasferisse per pochi mesi in Italia. I rossoneri avranno così il biondo centrocampista per 4 mesi a titolo gratuito e pagando solo l’ingaggio.

 

Poi l’ad spiega ai microfoni di Sky Sport:«Beckham ha scelto il Milan. La nostra squadra è ultracompetitiva e resterà così com’è, ma Beckham è qualcosa di diverso e di intrigante. Il Milan non fa la raccolta delle figurine, il Milan è invece molto orgoglioso della politica che sta facendo. Siamo l'unico club in controtendenza: la gente va allo stadio a vedere il Milan. Non è un caso se 65.000 persone vanno a vedere Milan-Sampdoria. Se i 65.000 vanno allo stadio vuol dire che il Milan è un prodotto che piace. Rispetto a questi 65.000, Beckham ne porterà uno in più di tifoso piuttosto che uno in meno».

 

Anche mister Carlo Ancelotti è dello stesso parere ed è contento per l’arrivo dello Spice Boy a Milano: «Per me sarà un piacere, Beckham è un atleta serio, un grande professionista – spiega il tecnico - se sarà disponibile per quattro mesi con noi ne saremo molto contenti. Se diventerà disponibile per il Milan, lo sarà evidentemente sia in Italia che in Europa». Lo stesso Galliani, aveva già aperto le braccia all’inglese, accettando il suo arrivo a Milanello nei giorni scorsi per un training insieme al resto dei rossoneri. Ma ora, più di un semplice allenamento, c’è stato qualcosa di molto di più.

 

(Davide Alberti)



© Riproduzione Riservata.