BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GENOA/ Ruotolo: contro l'Inter il mio gol più bello

L'ex genoano ricorda l'impresa di San Siro del '94. Un successo che gli uomini di Gasperini cercheranno di bissare domenica

ruotoloR375_24ott08.jpg (Foto)

27 marzo 1994, ultima vittoria del Genoa a S.Siro: «Se mi chiedono come gioca l'Inter di Marini, come posso rispondere? Non credo proprio abbia un'idea di calcio». Parole e musica di Franco Scoglio, Mourinho ante-litteram. Ma lui era speciale veramente e quella vittoria per 3 a 1, nell' annus horribilis della retrocessione, lo dimostra: i Grifoni non vincevano al Meazza dal 1955 e addirittura i rossoblu subirono proprio ad opera dell'Inter la sconfitta più pesante della loro storia, subendo 9 gol. Era il 1945. Sono passati più di 60 anni, domenica il Genoa è ancora di scena a S.Siro, ma i liguri preferiscono tornare con la memoria a quel giorno di marzo in cui il Professore piegò i neroazurri. Protagonista del match fu Ruotolo, che siglò una doppietta, intervistato oggi dal dorso ligure de La Repubblica: «Quando segni due gol a San Siro come fai poi a non ricordartelo?». E si che gli uomini di Scoglio erano andati addirittura in svantaggio, subendo dopo quattro minuti la rete di Schillacci. Poi, lo show di Ruotolo: «Sul primo gol grande merito fu di Skhuravy, trasformò un lungo rinvio in un assist straordinario, arrivai in corsa e con il piattone misi il pallone fuori dalla portata di Zenga. Il secondo gol lo segnò Tomas, io chiusi le marcature proprio al novantesimo con quello che forse è stato il più bel gol della mia carriera: un tocco liftato a cercare il palo più lontano». Il Genoa di oggi punta in altro ma, come anche Gennarino indica, deve trovare continuità di risultati anche in trasferta. A Marco Rossi e Sculli spetta l'onere di ripetere le imprese compiute da Ruotolo ed Eranio: «Ma la nostra coppia, con tutto il rispetto, era mitica. Merito del professor Scoglio che aveva messo a punto sincornismi perfetti: correvamo come matti, ma avevamo anche una discreta tecnica. Non a caso siamo arrivati tutti in nazionale».

© Riproduzione Riservata.