BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NAPOLI/ Lavezzi: Chelsea, no grazie!

Marini smentisce l'offerta dei Blues per l'argentino; ma il Pocho, in ogni caso, assicura di preferire Napoli

lavezziR375_02ott08.jpg (Foto)

Marino ha smentito le voci provenienti dall´Inghilterra di un´imminente offerta del Chelsea per l´argentino Lavezzi, che sarebbe un obiettivo del club di Abramovich per gennaio: «Per lui non abbiamo ricevuto nessuna offerta - ha dichiarato il dg azzurro - e se sono decisi a formularla nei prossimi giorni, possono fare a meno di presentarcela perché la rimanderemo al mittente. Lavezzi non è in vendita». A rivelare l´interesse del Chelsea per l´argentino era stato questa mattina il tabloid inglese ´Daily Mirror´. Il Chelsea avrebbe offerto alla società azzurra circa 13 milioni di euro per avere Lavezzi già a gennaio. I blues di Felipe Scolari cercano un rinforzo in attacco già a gennaio dopo l´infortunio di Didier Drogba, e avrebbero individuato nel ´Pocho´, considerato molto simile a Carlos Tevez, il giocatore ideale.

Il diretto interessato intanto si gode il sole della Costiera Amalfitana, facendo sapere che lo preferisce di gran lunga alla pioggerellina made in England: «Il Chelsea? Non è nei miei programmi. Ora mi sto godendo il sole di questi posti meravigliosi in Campania. Nulla contro Londra o l´Inghilterra, qui sto una meraviglia». Se la speranza dei tifosi partenopei è che Lavezzi possa essere il nuovo Maradona, il sogno è vedere in azzurro un altro napoletano doc, quel Fabio Cannavaro campione del Mondo e capitano della Nazionale, che non ha mai nascosto il legame con la sua terra natia. Come ha però spiegato Gaetano Fedele, l'agente Fifa che segue il difensore, la cosa non è di così facile realizzazione: «Cannavaro al Napoli? Per adesso è un discorso un po' difficile da fare, però vedremo un po' più avanti. Anche il progetto del Napoli, mi sembra un progetto diverso». I supporter napoletani possono però crederci ancora, dal momento che Fedele è stato vago anche sul fututo di Cannavaro a Madrid: «Bisogna aspettare, prima che finisca la stagione ci incontreremo e vedremo il da farsi».

© Riproduzione Riservata.