BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

NAZIONALE/ L'Italia pareggia in Grecia, Toni torna al gol

31esima partita consecutiva senza sconfitte per Lippi, ma il gol dell' ex viola non basta

lippiR375_10ott08.jpg(Foto)

L`Italia pareggia ad Atene per 1-1 grazie al gol di Toni al 54`, che risponde al gol di Ghekas siglato al 50`. Marcello Lippi, commissario tecnico della Nazionale Italiana, ottiene il 31° risultato utile consecutivo pareggiando 1-1 nell`amichevole contro la Grecia. Il mister si affida all`ariete Toni, supportato da Camoranesi e dal debuttante, dal primo minuto, Rossi. La novita` maggiore oltre all`impiego di Rossi titolare consiste nell`inserimento nella formazione ufficiale di ben tre giocatori che non militano nel campionato italiano, nell`ordine il portiere De Sanctis, che milita nella squadra turca del Galatasaray, il terzino Grosso dei francesi del Lione e appunto Rossi del Villarreal. I padroni di casa della Grecia, guidati dal tedesco Rehhagel vista la pesante assenza dell`attaccante Charisteas punta tutto su Karagounis, stella della nazionale e del Panathinaikos, oltre all``italiano` Papastathopoulos, difensore del Genoa, e all`ex romanista Dellas.

La gara inizia con gli azzurri ben disposti in campo e con un Camoranesi fin dalle prime battute ispirato. All`8` Gattuso prova la conclusione al volo da fuori area ma Tzorvas devia in angolo. Sul successivo corner, su una dormita di Spiropoulos, la palla arriva al capitano Cannavaro che calcia, il tiro deviato mette in condizioni Rossi di presentarsi solo davanti al portiere ma il giovane attaccante non riesce a calciare con la dovuta forza. Al 10` la riposta dei greci passa dai piedi di Mantzios che libero da marcatura calcia fuori alla destra di De Sanctis. Dopo un bell`avvio di gara, intorno al 20` il ritmo di gioco cala. La Grecia e` guardinga e abile a ripartire in contropiede, Katsouranis al 25` prova il colpo di testa ma il pallone termina sul fondo. Al 32` si fa vedere Toni che con un sinistro non inquadra lo specchio della porta. Al 38` Gattuso, stoppando, tocca con la mano il pallone in piena area di rigore ma per l`arbitro e` tutto regolare, sul proseguimento dell`azione Mantzios segna, ma il gioco era fermo per una posizione irregolare dell`attaccante. Al 45` Rossi ha un`altra occasione ma calcia centralmente tra le braccia di Tzorvas. E` l`ultima azione importante prima che l`arbitro Webb fischi la fine del primo tempo.

Il secondo tempo vede scendere in campo un`Italia con due cambi, Montolivo lascia il posto a Pepe, mentre in difesa cambio tra Chiellini e Legrottaglie. Anche per i greci ci sono dei cambi, Ghekas e Basinas prendono rispettivamente il posto di Karagounis e Mantzios. Dopo appena tre minuti dall`inizio del secondo tempo l`Italia colleziona tre occasioni, prima Toni imbeccato da Rossi calcia contro il piede sinistro dell`estremo difensore, poi Pepe prova il tiro ma il pallone e` troppo centrale e per finire Camoranesi chiama Tzorvas alla deviazione in angolo su una conclusione potente ma troppo centrale. Proprio nel momento migliore Tziolis, al 50`, trova il corridoio vincente per Ghekas che di destro da poco dentro l`area supera De Sanctis e trova la rete del vantaggio. Gli azzurri si spingono in avanti alla ricerca del gol del pareggio che arriva al 54` grazie a Toni. L`attaccante del Bayern Monaco, a digiuno da ben 697 minuti con la maglia azzurra trova il 16° centro, grazie a un colpo di testa su una punizione calciata da De Rossi. Gli ospiti sulle ali dell`entusiasmo macinano gioco e con Camoranesi al 58` vanno vicini al raddoppio dopo una bella triangolazione con Toni. Lippi al 60` prosegue con la girandola di cambi, Gilardino prende il posto di Toni, Maggio quello di Camoranesi e Gamberini di Cannavaro. Esce anche un bravo Rossi per far posto a Iaquinta ma sono ancora i greci pericolosi, Katsouranis al 73` prova il tiro da fuori area ma il pallone termina alto sopra la traversa. E` praticamente l`ultima azione della gara in quanto i padroni di casa mantengono fino alla fine il possesso palla non consentendo agli azzurri di colpire o rendersi pericolosi.

(fonte: Datasport)

© Riproduzione Riservata.