BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Milan: battere il Livorno per conquistare il 4° posto

Se il Milan questa sera batte il Livorno sale al quarto posto in classifica, un risultato a dicembre insperato. Ancelotti si affida a Gilardino e a Inzaghi. Pronta a subentrare la giovane stella Paloschi

Paloschi_FN1.jpg (Foto)

Milano - Un ultimo sforzo. È quello che chiede Carlo Ancelotti ai suoi questa sera nel recupero della 16ª giornata di campionato contro il Livorno. A San Siro il Milan, superando i toscani, può risalire al quarto posto (fondamentale per la Champions) in virtù dei 18 punti conquistati nelle ultime sette partite. Di fronte troverà una squadra che, seguendo i dettami tattici di Camolese, ha risalito la china.
«La consideriamo - ha affermato il tecnico del Milan - una grande occasione. Da quando abbiamo ricominciato abbiamo fatto di più a livello di punti di quanto potevamo pensare. Abbiamo la grande chance di tornare al quarto posto».
Tutti si aspettano in campo l’enfant prodige Alberto Paloschi che, dopo il gol al Siena al debutto in serie A, è salito agli onori della cronaca sportiva. Nonostante la pretattica di questi giorni, è difficile che il giovane attaccante nato a Chiari possa partire titolare: «Se Inzaghi - ha detto in conferenza stampa Ancelotti - manifesta difficoltà nel recupero, Paloschi giocherà dall’inizio». Più forte Pato o Paloschi? Il mister rossonero per il momento non ha dubbi: «Paloschi rispetto al brasiliano ha ancora la possibilità di formarsi e crescere. Pato fisicamente è già costruito».
Sicuramente in avanti ci sarà Gilardino che ha scontato il turno di squalifica. Il Milan potrebbe presentarsi anche con il modulo ad albero di Natale con Seedorf e Pirlo nelle vesti di rifinitori e con l’inserimento di Emerson a centrocampo. Ambrosini ha recuperato e sarà disponibile, mentre per Kakà l’appuntamento è rimandato a sabato con il Parma. In difesa possibile un turno di riposo sia per Maldini che per Nesta alle prese con alcuni problemi fisici.
Lo spauracchio dei rossoneri si chiama Tavano che con dieci reti (di cui tre su rigore) è il capocannoniere dei labronici. Ancelotti non si fida dei suoi avversari (reduci, però, da un pareggio incolore con il Genoa) e si aspetta una risposta positiva dai suoi: «Sono in salute, come lo era il Siena. Dal punto di vista del ritmo avremo meno difficoltà dell’ultima gara, dove abbiamo trovato problemi legati all’inattività di tanti giocatori che rientravano dopo gli infortuni».
Camolese dovrà rinunciare allo squalificato Balleri, ma non ha ancora sciolto le riserve: «Valuterò bene le varie opzioni, non è da escludere che si possa passare alla difesa a quattro». Disponibile Vidigal.

Probabili formazioni
MILAN (4-3-1-2): Kalac, Oddo, Bonera, Kaladze, Favalli, Gattuso, Pirlo, Ambrosini, Seedorf, Gilardino, Inzaghi. All. Ancelotti.
LIVORNO (3-5-2): Amelia, Grandoni, Knezevic, Galante, Vidigal, Pulzetti, De Vezze, A. Filippini, Pasquale, Bogdani, Tavano. All. Camolese.

© Riproduzione Riservata.