BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

I viola avanti di rigore

La Fiorentina passa ai quarti di Coppa Uefa con grande fatica e con una prestazione di carattere. La lotteria dei rigori premia i toscani: un palo e una grande parata di Frey consegnano il passaggio del turno. Alla luce dell’andata, la qualificazione è meritata

fiorentina2_FN1.jpg(Foto)

I viola passano il turno e, forse, imparano la lezione. Dopo il 2 a0 dell’andata sembrava tutto facile, ma così non è stato. Ci sono voluti i calci di rigore per sancire la qualificazione ai quarti. «Abbiamo giocato una partita difficile – ha detto un entusiasta Prandelli - riuscendo a dare il tutto per tutto. Peccato per il secondo goal preso e per non aver sfruttato le occasioni fino alla fine. E' stata un'esperienza importante. E potremo andare avanti in una competizione veramente interessante. Pazzini è stato di grande aiuto per noi». Sgombriamo il campo dagli equivoci, la qualificazione è certamente meritata per quanto fatto vedere dalla Fiorentina all’andata. La cronaca di ieri descrive, però, una partita a senso unico. Al 16° un’indecisione di Frey e Gamberini favorisce la rete di Johnson. L’Everton incomincia a crederci e attacca a testa bassa. I viola perdono lentamente la lucidità e si affidano ai lanci lunghi e ai palloni alti,, una manna per i difensori inglesi che braccano lo spaesato Vieri. Per fortuna dei toscani sale in cattedra Frey che si oppone in diverse circostanze. I padroni di casa giostrano il gioco con un ottimo Arteta: lo spagnolo è bravo anche negli inserimenti. Dopo l’intervallo Prandelli inserisce Pazzini e il bomber non tradisce: lotta, s’impegna e riesce a far salire la squadra. Al 66’ i gigliati vengono infilati in contropiede da Arteta che spara un diagonale alla destra del portiere. Le barricate della Fiorentina resistono e nel finale per poco Pazzini con castiga gli inglesi. La lotteria dei rigori premia gli italiani. Il rigore di Yakubu si stampa sul palo, mentre quello di Jagielka viene intercettato alla grande da Frey. Per la Fiorentina vanno a segno Pazzini, Montolivo, Osvaldo e Santana. «È stata una serata speciale, abbiamo sofferto molto durante tutta la partita. L'Everton ha dimostrato – ha affermato Frey subito dopo la gara - di essere un'ottima squadra. Sul rigore che ho parato a Jagielka, ho scelto la parte giusta e sono partito convinto, ma la vittoria è merito del grande impegno che il gruppo ha dimostrato per tutta la gara». Nelle altre gare in programma esce a sorpresa il Benfica battuto nuovamente dal Getafe, mentre il Psv Eindhoven passa ai calci di rigore sul Tottenham. Il tabellino Everton: Howard; Neville, Yobo, Jagielka, Lescott, Carsley, Arteta, Pienaar (106’ Anichebe), Cahill, Johnson (118’ Gravesen), Yakubu. All. Moyes. Fiorentina: Frey; Ujfalusi, Dainelli, Kroldrup, Dainelli, Pasqual, Kuzmanovic (91’ Gobbi), Donadel, Montolivo, Osvaldo, Jorgensen (106’ Santana), Vieri (46’ Pazzini). All. Prandelli. Arbitro: Eric Braahmaar. Marcatori: 16’ Johnson, 66’ Arteta. Ammoniti: Yobo, Yakubu, Dainelli, Gamberini, Jorgensen, Pazzini.

Le altre partite:

Andata
Ritorno

Anderlecht - Bayern Monaco

0-5
2-1

Bayer Leverkusen - Amburgo

1-0
2-3
Benfica - Getafe
1-2
0-1

Bolton Wanderers - Sporting Lisbona

1-1
13 marzo

Fiorentina - Everton

2-0
4-4 (dcr)

Olympique Marsiglia - Zenit San Pietroburgo

3-1
0-2

Rangers Glasgow - Werder Brema

2-0
13 marzo

Tottenham Hotspur - Psv Eindhoven

0-1
6-6 (dcr)
© Riproduzione Riservata.