BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

La Roma si scopre “Galactica”

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Vucinic_FN1.jpg
Madrid - Una Roma ai limiti della perfezione ha superato il Real Madrid e si è guadagnata l’accesso ai quarti di finale della Champions. La squadra di Spalletti ha mostrato un gioco esemplare, è andata più volte vicino al gol con Aquilani (un incrocio dei pali e una bella parata di Casillas) nel primo tempo e ha colpito al 74’ con una grande incornata di Taddei.
L’uomo del match è stato, però, Mirko Vucinic. Spalletti ha rischiato e l’ha inserito sullo 0-0 al posto di un evanescente Mancini. Il montenegrino ha ripagato la fiducia del tecnico con una bella prestazione: ha provocato il secondo giallo (71’) di Pepe ed è stato l’autentica spina nel fianco della difesa delle merengue.
Con il Real ridotto in dieci uomini la Roma è passata in vantaggio con Taddei, ma ha subito il pareggio immediato di Raul in chiara posizione di fuorigioco. Negli ultimi venti minuti i capitolini hanno controllato il match prima di tirare la stoccata decisiva a tempo scaduto con Vucinic su una punizione di Panucci. Non era facile passare al Santiago Bernabeu, in pochi avrebbero scommesso sul passaggio del turno della squadra italiana. Fin qui la Roma si era dimostrata ancora acerba per i grandi appuntamenti, ma forse gli errori del passato sono serviti come ha affermato subito dopo la gara Spalletti. «Questa sera i miei calciatori hanno fatto una partita perfetta. E si è visto. Abbiamo fatto bene anche nel primo tempo ma non siamo riusciti a concretizzare. La squadra ha evidenziato maturità proprio dopo il gol di Raul. Ha tirato fuori esperienze fatte e costruito la partita che ha portato alla vittoria».
Sugli scudi la coppia centrale Mexes-Juan, ma senza dubbio sono stati decisivi gli ingressi di Vucinic prima e di Pizarro poi. Per la Roma, anche con un Totti non in grande spolvero, è sicuramente un buon banco di prova per il futuro. Il Real orfano di Van Nistelrooy, Robben e Sergio Ramos è sembrato poca cosa.
Nelle altre gare in programma il Chelsea ha superato agevolmente (3-0, reti di Ballack, Lampard e Kalou) l’Olympiakos, mentre il Porto si è arreso ai rigori contro lo Schalke 04 (decisivo il portiere Neuer).

Il tabellino

Real Madrid (4-2-3-1): Casillas; Salgado (64’ Torres), Pepe, Cannavaro, Heinze; Diarra (61’ Drenthe), Gago; Guti, Baptista (85’ Soldado), Robinho; Raul. All. Schuster.
Roma (4-2-3-1): Doni; Cicinho (87’ Panucci), Mexes, Juan, Tonetto; Aquilani, De Rossi; Perrotta (76’ Pizarro), Taddei, Mancini (65’ Vucinic); Totti. All. Spalletti.
Arbitro: Vassaras.
Marcatori: 74’ Taddei, 75’ Raul, 92’ Vucinic.
Espulso: 71’ Pepe.
Ammoniti: Heinze, Taddei, De Rossi, Perrotta, Cicinho, Guti, Aquilani, Tonetto.


© Riproduzione Riservata.