BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Inter-Scudetto la tensione corre sul filo. Del telefono

Pubblicazione:

Tornano intercettazioni compromettenti sul calcio italiano, ma questa volta, secondo quanto risulta all'agenzia Radiocor, sono esponenti dell'Inter a essere coinvolti in una vicenda dai contorni ancora tutti da chiarire.

Fonti vicine agli inquirenti confermano che si tratta di intercettazioni seguite dai Carabinieri di Trento e che riguarderebbero anche scommesse effettuate da giocatori neroazzurri sulla vittoria dello scudetto 2006/2007 (poi conquistato dall'Inter). 
In particolare, gli inquirenti stanno cercando di chiarire i contenuti di conversazioni che per le parole utilizzate lasciano pensare alla volonta' di nascondere i reali significati delle affermazioni intercettate.

Le intercettazioni telefoniche sono scaturite dall'indagine per traffico di droga che riguardava il procuratore sportivo Donato Brescia. Gli esponenti dell'Inter intercettati sono Sinisa Mihajlovic, l'allenatore Roberto Mancini e il capitano Javier Zanetti, i tre comunque non risultano indagati.

La notizia, potenzialmente deflagrante perchè coinvolge allenatore, vice allenatore e capitano della squadra-simbolo delle vittime del calcio malato (lo scudetto 2005/2006 le fu assegnato a tavolino con una decisione senza precedenti accolta dai tifosi come minimo risarcimento per quasi vent'anni di insuccessi in Italia e in Europa) è trapelata in sordina ieri verso le 23, ma l'augurio è che non getti ombre proprio alla vigilia del match scudetto di Parma, resa già abbastanza rovente dal ricordo della partita di andata vinta al 95' dall'Inter in svantaggio e dove tra espulsioni e rigori dati e mancati è successo di tutto, dall'inspiegabile esonero dell'ex allenatore nerazzurro Hector Cuper fino alla scorsa settimana allenatore degli emiliani, l'uomo forse più motivato a rovinare la festa ai nerazzurri trovando una vittoria che per il Parma significherebbe salvezza. Al suo posto Manzo, allenatore alla sua prima stagione alla primavera, che già ebbe modo di coordinare un allenamento della prima squadra tra l'era Di Carlo e quella Cuper, all'esordio su una panchina di A. Mission Impossible?


© Riproduzione Riservata.