BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Nuove conferme sull’asse Roma-Soros. Spunta Follieri?

Secondo romanews, ci sarebbe un interessamento del Faccendiere sul pacchetto di maggioranza della società giallorossa

Riprendiamo un articolo di romanews pubblicato oggi, che riporta le indiscrezioni che ilsussidiario.net ha lanciato lunedì sera. Un altro rumor societario? Forse. Fatto è che le ultime voci in merito al futuro della A.S. Roma parlerebbero di un interessamento di Raffaello Follieri al pacchetto di maggioranza della società giallorossa. Voci e nulla più. Ma intanto l’imprenditore di origini pugliesi, che commercia diamanti e opera nel settore petrolifero in America, si troverebbe in queste ore a Monaco di Baviera, pronto a dirigersi verso Roma nel prossimo week-end per incontrare direttamente la famiglia Sensi. Follieri, che tempo fa i giornali definirono il “Faccendiere”, avrebbe avuto già un ruolo nel primo assalto di Soros alla Roma. Al punto che, in quei giorni, si ipotizzò un suo incarico all’interno del club capitolino. Ipotesi e null’altro.

Non sarebbe chiaro chi si celerebbe dietro l’avanzata verso Trigoria dell’italo americano, che vanta conoscenze in Vaticano e che starebbe acquisendo vari, importanti immobili nella Capitale. Si parla di una cordata di imprenditori ed investitori, non più araba ma statunitense, decisi ad investire ed a far realizzare il sogno all’italo-americano, da sempre a caccia di gloria nel suo Paese d’origine.
 
Il contatto diretto, fra la Roma e Follieri, dovrebbe dunque avvenire venerdì o sabato, a ridosso del match di Coppa Italia contro l’Inter. Follieri, che sembrerebbe interlocutore gradito ai Sensi - con i quali sarebbe in contatto da sette, otto mesi -, potrebbe presentare un’offerta superiore a quella resa nota, ai dirigenti giallorossi, alcuni mesi fa. Potrebbe essere lui l’anti-Soros? Difficile dirlo, siamo nel campo delle ipotesi. Certo è che con il magnate di origine ungheresi, l’imprenditore pugliese ha collaborato relativamente ad alcuni fondi d’investimento.
 
Si attendono verifiche, ma nel contempo in città regna il fervore e sale l’adrenalina. Qualcuno pensa che l’inserimento a sorpresa di Follieri altro non sarebbe che un tentativo di far lievitare il prezzo del club giallorosso, come già avvenuto in occasione della comparsa di una cordata araba mai realmente materializzatasi. E anche qui siamo solo nel campo delle ipotesi. Una cosa è certa: Soros (oggi a Londra per presentare il suo ultimo libro) non è ancora uscito di scena e i contatti fra le parti – giallorossa e americana – proseguono sia pur sotto traccia. I rappresentati di Soros risulterebbero ottimisti in merito all’epilogo della lunga ed estenuante telenovela sull’asse Roma-New York, tant'è che oggi sono stati fatti degli importanti passi in avanti. Ormai si attende la fatidica carta scritta, con la quale i Sensi potrebbero ufficialmente annuciare l'intenzione a vendere al magnate americano. Solo in questo caso, quindi, la trattativa ri-decollerà e gli emissari americani saranno pronti a tornare in riva al Tevere.
© Riproduzione Riservata.