BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CALCIOMERCATO/ Zambrotta - Milan: è fatta. Colpo viola: ecco Gilardino

Pubblicazione:sabato 24 maggio 2008

Galliani è volato a Barcellona per chiudere le trattative per Ronaldinho, Eto’o e Zambrotta. Il vice presidente del Milan, atterrato ieri pomeriggio, in serata si è incontrato con il presidente Laporta. Una lunga cena al porto olimpico di Barcellona, nel ristorante preferito dal presidente catalano (La barca di Salamanca). Al suo fianco i vicepresidenti Soriano e Ingla. Galliani era accompagnato da Ernesto Bronzetti, il consulente di mercato per la società rossonera in Spagna, che era giunto nei giorni scorsi per preparare il terreno all’arrivo di Galliani. La trattativa è andata avanti fino a notte fonda e non pare essere stata stata infruttuosa. Chiuso per Zambrotta che passerebbe al Milan e a giorni (forse già oggi), e il cui annuncio sarà dato ufficialmente dopo aver definito alcuni dettagli economici.
Ma Galliani e Laporta hanno parlato anche dell’arrivo in rossonero di Ronaldinho e Eto’o. A quanto sembra, il Milan sarebbe disposto a fare un sacrificio economico per uno solo dei due fenomeni del Barcellona e tutto starebbe nelle richieste della società spagnola. Si parla di una cifra intorno ai 35-40 milioni di euro per entrambi ed è facile immaginare che su questa proposta si scatenerà un'asta, visto che su entrambi i giocatori ha messo gli occhi anche l’Inter. Laporta vuole innanzitutto monetizzare per rilanciare il nuovo corso del Barcellona.
Intanto, sul versante delle uscite, c’è da segnalare la cessione (per ora ufficiosa) di Gilardino alla Fiorentina. Le due società si sono accordate sulla base di 14 milioni circa e anche l'attaccante avrebbe trovato l'accordo con il club di Della Valle. Il Gila ha deciso di non alzare le pretese e di accettarre una riduzione del suo ingaggio attuale, arrivando a chiedere 3,2 milioni di euro per le prossime 2 stagioni. Settimana prossima arriverà l’ufficializzazione nella sede viola dell’arrivo dell’attaccante alla corte di Cesare Prandelli.



© Riproduzione Riservata.