BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

EURO 2008/ Per l'Italia debutto da dimenticare. L'Olanda vince meritatamente 3-0

Si apre nel peggiore dei modi l’Europeo degli azzurri sconfitti meritatamente dall’Olanda di Van Basten. Preoccupa la coppia centrale Barzagli-Materazzi e le condizioni di alcuni giocatori. Positivi gli ingressi di Del Piero e Grosso. Leggi le pagelle di Gianni Foresti

Olanda_Italia_FN1.jpg(Foto)

Disastrosi. Giocatori e tecnico sotto accusa, ma non potrebbe essere altrimenti. L’Italia esce con le ossa rotte dal confronto con l’Olanda. I Tulipani hanno meritato il successo, gli azzurri hanno messo in mostra una condizione non ottimale. Tardiva la reazione.
L’uno-due dell’Olanda nella prima frazione di gioco spegne i sogni di gloria dell’Italia. A nulla serve recriminare sulla prima rete in fuorigioco (Panucci fuori dal terreno di gioco per uno scontro con Buffon non partecipa all’azione). Van Basten ha sfruttato le qualità dei suoi uomini, su tutti si segnalano Van Der Vaart e il prezioso Kuyt.
Gli episodi non hanno certo giovato alla causa azzurra: il 2-0 di Sneijder è nato da una ripartenza dopo un pallone salvato sulla linea da Van Bronckorst. Donadoni trova linfa vitale con i cambi, ma questo in parte dimostra che aveva sbagliato alcune mosse (impresentabili Materazzi e Barzagli, troppo remissivo Panucci, fuori condizione Gattuso).
Tutti si aspettavano in campo uno tra De Rossi e Aquilani. Del Piero ha dimostrato, se pur nella difficoltà della situazione, di essere in forma. Lo stesso Grosso ha messo in mostra una buona facilità di corsa. Il dato incontrovertibile arriva dalla difesa: l’assenza di Cannavaro si è sentita soprattutto dopo la rete olandese quando la squadra si è disunita.
Un pallonetto alto di Toni al 75’ avrebbe potuto riaprire la gara, così come tre minuti più tardi la punizione calciata da Pirlo e parata in maniera ottimale da Van Der Sar. Sulla respinta gli olandesi hanno colto la terza marcatura. Si tratta della prima sconfitta dell’Italia all’esordio nella competizione europea, la più pesante in termini numerici della sua storia.
Alla fine il risultato è pesante, troppo per i singoli valori delle due formazioni. Non servono i processi, ma bisogna ripartire dall’orgoglio degli italiani campioni a Berlino. Sincero il capitano Buffon che nel dopo gara ha chiesto scusa agli italiani e ha parlato di brutta figura dell’Italia.
L’unico aspetto positivo della giornata si può ritrovare nel pareggio a reti bianche tra Romania e Francia. Il pericolo? La differenza reti rischia di penalizzare vistosamente il cammino dell’Italia. Per la prossima gara con la Romania sono ipotizzabili alcuni cambi (De Rossi, Grosso e Del Piero).

Il tabellino
ITALIA (4-3-3): Buffon; Panucci, Barzagli, Materazzi (55’ Grosso), Zambrotta, Gattuso, Pirlo, Ambrosini, Camoranesi (75’ Cassano), Di Natale (64’ Del Piero), Toni. All. Donadoni.
OLANDA (4-2-3-1): Van Der Sar; Ooijer, Boulahrouz (76’ Heitinga), Mathijsen, Van Bronckorst, De Jong, Engelaar, Sneijder, Van Der Vaart, Kuyt (81’ Afellay), Van Nistelrooy (70’ V. Persie). All. Van Basten.
Arbitro: Frodjfeldt.
Marcatori: 26' Van Nistlerooy, 31' Sneijder, 79’ Van Bronckorst.
Ammoniti: Toni, Gattuso, Zambrotta, De Jong.

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
12/06/2008 - Debutto da dimenticare. (Rossi Valentino)

E' colpa della telecronaca rai... Una gufata dietro l'altra. Girovagando sulla rete ho trovato questo podcast che riassume alla grande il disastro calcistico italiano: http://www.crossing.it/forum/post55198.html#p55198