BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

SPECIALE CALCIOMERCATO/ Juventus: torna De Ceglie, Palladino verso il Genoa. E Trezeguet?

La Juventus cerca di risolvere le comproprietà con i rossoblu. L'attaccante francese ancora non sa se partirà per Barcellona

Domenico Criscito, Matteo Paro e Raffaele Palladino. Tre giocatori legati da uno stesso destino in bilico tra Genova e Torino. Il primo ha fatto la spola negli ultimi due anni tra Genoa e Juve, il secondo è in comproprietà tra le due società, il terzo è un uomo mecato di Ranieri che piace molto a Preziosi. Il presidente del Genoa è intenzionato a portarli tutti e tre a casa rinnovando l'oneroso prestito del giovane difensore (1 milione) e riscattando definitivamente Paro (costo dell'operazione 1,5 milioni). Per Palladino l'affare è più complicato dal momento che il giocatore piace anche al Napoli, che avrebbe messo sul piatto addirittura 12 milioni. L'offerta rossoblu è invece di 5 milioni per la metà del cartellino, modalità che la Juve preferirebbe perchè non vuole privarsi completamente del giocatore campano, ma chiede un milione in più. Entro la giornata comunque dovrebbe essere definito il passaggio.
Ufficializzato poi il rientro dal Siena di Paolo De Ceglie, terzino sinistro di 22 anni riscattato per 3,5 milioni di euro. Ancora in cerca di una sistemazione Almiron, che la Juve vorrebbe alla Lazio in cambio di Stendardo. Seguito anche il tedesco Schweinsteiger del Bayern Monaco che potrebbe arrivare in cambio del centrocampista portoghese Tiago.

Secco e Blanc tengono il piede in due scarpe per il centrocampo: stanno temporeggiando per Alonso in attesa di capire quale piega prenderà la situazione contrattuale di Aquilani a Roma. Anche se questo rallentamento potrebbe essere volutamente strategico e finalizzato a convincere il Liverpool ad abbassare di qualche milione la quotazione del giocatore. Tutto fermo anche per David Trezeguet, anche perche da Barcellona fanno sapere che obiettivi prioritari del club catalano sono Karim Benzema del Lione e Frederic Kanoutè del Siviglia.

© Riproduzione Riservata.