BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHAMPION'S LEAGUE/ Incredibile: il Milan potrebbe essere ammesso alla maggior competizione continentale

Pubblicazione:mercoledì 4 giugno 2008

La notizia ha dell'incredibile e se sarà confermata, per il Milan si riaprirebbero le porte dell'Europa che conta e in cui i rossoneri hanno scritto pagine leggendarie negli ultimi vent'anni. Ma veniamo alla cronaca. Il Cska Sofia, club campione di Bulgaria ma fortemente indebitato, non ha ricevuto la licenza Uefa e non parteciperà ai preliminari di Champions League. Lo ha annunciato la federazione calcistica bulgara scatenando una violenta reazione da parte dei tifosi del club.

«Il Cska Sofia non ha ricevuto la licenza Uefa per partecipare ai tornei europei di calcio» ha detto Krassin Krastev della commissione delle licenze della federcalcio bulgara. Il direttore generale della federazione Borislav Popov ha in seguito spiegato anche che il club bulgaro aveva dei debiti verso lo Stato e le Banche da tre anni e che alcuni stipendi e alcune trasferte non sono state pagate.

A questo punto, come riportato da tuttomercatoweb.com, se l'Uefa, che in settimana dovrebbe esprimersi sulle questione, dovesse infatti confermare l'esclusione del club balcanico, il posto nel secondo turno preliminare della Champions League dovrebbe spettare per regolamento non alla seconda classificata del campionato bulgaro, ma alla squadra con il più alto coefficiente Uefa esclusa dalla massima competizione: ovvero, a sorpresa, il Milan. Il caso ha un "semi-precedente" proprio con i Rossoneri: quando nel 2006 il Milan fu messo sotto inchiesta per la faccenda Calciopoli, il suo posto nei preliminari contro la Stella Rossa era stato reclamato con diritto maturato dai medesimi requisiti, dal Lens. Si attende dunque qualcosa di più concreto nelle prossime ore anche da parte della società di Via Turati, che nella giornata di domani potrebbe già consultare i suoi legali specializzati.



© Riproduzione Riservata.