BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

SPECIALE CALCIOMERCATO/ Per il Milan Adebayor è più lontano, ma l'alternativa può essere Mutu. Capitan Maldini rinnova per un altro anno

Maldini rinnova. Per l'attacco si allontana Adebayor, spunta l'ipotesi Mutu

La trattativa per Adebayor, giocatore notoriamente molto apprezzato da Galliani, si trova davanti all'ennesimo ostacolo. Stavolta la frenata l'ha data l'allenatore dei Gunners Arsene Wenger che ha risposto così a chi ha chiesto se vedeva possibile un trasferimento del bomber togolese a Milano: «Se il Milan vuole Adebayor, che me lo venga a chiedere: riceverà la risposta che si merita». In via Turati, comunque, non si lavora a senso unico. L'ultima suggestione di mercato per il reparto avanzato rossonero è rappresentata da Adrian Mutu. Il Milan potrebbe garantire quel "maggior trattamento economico" richiesto a dal giocatore alla società viola e i rossoneri si potrebbero assicurare le prestazioni di un giocatore già avvezzo al calcio italiano e di sicuro valore. Certo è solo un'ipotesi, ma se la Fiorentina decidesse di mettere il rumeno sul mercato il Milan sarebbe la prima società a bussare alla porta di Pantaleo Corvino.

Gli altri nomi per l’attacco sono sempre gli stessi: Eto’o, Drogba, Gomez, Berbatov. L’ordine non è casuale ma rispecchia il borsino dei singoli giocatori, anche dopo le ultime mosse del vicepresidente Galliani. Ieri infatti si è incontrato, insieme al fido Ernesto Bronzetti, con Josè Maria Mesalles, procuratore del camerunense. Si è parlato delle richieste del giocatore (si parla di un ingaggio di almeno 8 milioni di euro) ma a quanto sembra il club rossonero ha dato, come tetto massimo, la disponibilità ad arrivare a 7 milioni, pur sempre un milione in più rispetto al suo attuale stipendio a Barcellona. Il Milan però deve battere la concorrenza di Chelsea (destinazione che i giornali spagnoli danno per certa) e dell’Inter. Su Drogba si lavora sempre anche grazie ai buoni rapporti, ulteriormente consolidati nelle ultime settimane, tra il Milan e il Chelsea.

Da segnalare la firma del rinnovo di Paolo Maldini che per un altro anno sarà rossonero. Dopo i giorni burrascosi in cui ha meditato anche di lasciare il calcio, ha optato, dopo una breve riunione con la dirigenza per il prolungamento di un anno del suo contratto rinegoziando sensibilmente al ribasso il suo compenso e ha allontanando così il momento di abbandonare l’attività agonistica, cosa che potrebbe avvenire alla fine della prossima stagione. Un finale forse prevedibile soprattutto perché come dice sempre Adriano Galliani:«Le bandiere al Milan non sono in vendita e nemmeno non tenute in considerazione dalla società»

© Riproduzione Riservata.