BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MILAN/ Zambrotta: "Questa squadra è da scudetto"

Pubblicazione:giovedì 10 luglio 2008
58 partite in due anni con tre reti realizzate. Sono questi i numeri di Gianluca Zambrotta relativi alla sua esperienza in Spagna. Ma alcuni, gli scetttici, preferiscono guardare altri numeri: 19/02/1977, la data di nascita del difensore che con 31 primavere si appresta a giocare la sua  quindicesima stagione tra i professionisti. Altri invce, più positivi, lasciano da parte i numeri, spesso cattivi consiglieri, e si fermano ai fatti: l'ex azulgrana è universalmente riconosciuto come uno dei terzini migliori al mondo, è reduce da stagioni ampiamente soddisfacenti in Catalunya e non più di due anni fa ha vinto un Mondiale da protagonista. L'Europeo è andato come è andato, ma quello che conta è che il giocatore sia arrivato a Milano con la determinazione giusta per vincere. E le sue parole, rilasciate al Corriere dello Sport, sono ineqivocabili.
 
A partire dall felicità per essere tornato in Italia: «In Spagna e soprattutto Barcellona si sta bene ma in Italia e nel nostro campionato si sta meglio». Poi, naturalmente il Milan: «Conosco già bene molti miei compagni di squadra, le loro motivazioni, il loro orgoglio. E la società ha voglia di fare bene, sta facendo bene. Secondo me questo Milan è già da scudetto». Sicuro anche per quanto riguarda Ronaldinho, suo ex compagno di squadra: «In effetti Ronaldinho, se ritrova la forma migliore, può tornare a essere un giocatore determinante, che fa la differenza. Ma io penso che più che i nomi sia importante che si formi un gruppo forte, unito e compatto». Poi, uno sguado all'altra sponda del naviglio: «Penso che i valori siano abbastanza livellati. L`Inter è sempre la squadra da battere perchè è quella campione in carica. Le altre si stanno attrezzando per essere altrettanto competitive». E anche quando gli viene chiesto chi vorrebbe con se in rossonero non ha dubbi: «Eto`o e Messi sono quelli che mi hanno impressionato maggiormente in questi ultimi anni». Loro ancora non ci sono, ma sicuramente con Zambrotta il Milan ha dato segni di voler tornare a vincere.


© Riproduzione Riservata.