BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPECIALE CALCIOMERCATO/ Inter, Moratti da Abramovich per Lampard. Lippi: “scudetto ancora nerazzurro”

Moratti contratterà di persona per Lampard, Zola avverte "Al Chelesa se non vogliono vendere non lo fanno". Intanto Lippi assegna a Mourinho lo scudetto virtuale

La trattativa per Mancini è stata laboriosa, ma gli affari che l'Inter tenterà di chiudere nei prossimi giorni saranno ancora più difficili. Gli obiettivi, ormai arcinoti sono Quaresma e, soprattutto, Lampard. Per il portoghese la situazione è in stallo. La richiesta del Porto di 30 milioni è consideratta fuori mercato dai dirigenti nerazzurri, che prenderanno quindi tempo forti della volontà di trasferirsi in nerazzurro del giocatore. Se i Dragoes ridurranno le pretese se ne riparlerà. Ma il vero tormentone, che sta agitando i giorni che prleudono al ritiro di Riscone di Brunico (Bz), è quello legato a Lampard, il leader del centrocampo del Chelsea attorno a cui Mourinho vuole a tutti i costi disegnare la sua Inter. Il giocatore vuole Milano ma il Chelsea non molla. Via intermediari e direttori sportivi, la partita si giocherà ai massimi vertici. Moratti con, o contro, Abramovich, che pare intenzionato a tenere Lampard anche un anno in tribuna, visto che il contratto del giocatore scade nel 2009. Più che sui soldi Moratti dovrà far leva sul buon senso e sui suoi buoni rapporti col magnate russo: che senso ha trattenere un giocatore controvoglia, che si è “beccato” col suo nuovo allenatore ancora prima del primo allenamento? La situazione è complicata e un commento sulla durezza con cui il Chelsea gestisce situazioni di questo tipo arriva da uno che l'ambiente dei Blues lo conosce bene: Gianfranco Zola. Tha Magic Box (così era soprannominato il fantasista sardo quando calcava il campo di Stamford Bridge) ha infatti dichiarato a la Gazzetta dello Sport che “se il Chelsea si mette in testa di tener duro l'Inter non ha la minima possibilità di agganciare Lampard”.

Intanto un “benedizione” importante arriva da Marcello Lippi. Il tecnico viareggino, interpellato dal TG5, ha consegnato all'Inter lo scudetto virtuale del prossimo anno: “Penso che il campionato lo vinca ancora l'Inter – ha spiegato l'allenatore della nazionale - perché a me piace molto l'allenatore che ha preso Moratti. Mourinho è un tipo tosto, ma quando di un mister parlano positivamente tutti i calciatori, vuol dire che ha seminato bene”.

© Riproduzione Riservata.