BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CALCIO & PROCESSI/ Scaduti i temini per le indagini sulla Gea. Negata la proroga: il processo non si farà

Pubblicazione:sabato 12 luglio 2008

Dopo tre anni di indagini si è arenato il processo sportivo a carico del gruppo dirigente della GEA, del quale, oltre ad Alessandro Moggi, faceva parte anche il figlio del ct azzurro campione del mondo Marcello Lippi.

La Corte di Giustizia Federale ha infatti respinto la richiesta di proroga delle indagini presentata dal superprocuratore della FIGC, Stefano Palazzi. Dure le critiche che piovono da alcuni organi di stampa specializzata. Calciomercato.com, ad esempio, si chiede come sia possibile «che il calcio italiano che ha  processato (e condannato) perfino la Juventus, oltre al presidente e vicepresidente FIGC, e non abbia trovato il tempo in tre anni per accertare le pesantissime accuse (addirittura sequestro di persona) delle quali il gruppo di procuratori comprendente Moggi, Lippi e Zavaglia, deve rispondere al processo penale attualmente in corso a Roma».

Non è difficile pensare che la notizia farà discutere e dividerà come sempre l’Italia in due, perché il derby tra innocentisti e colpevolisti è uno dei match da sempre più seguiti su giornali e tv. La squadra dei realisti, invece, in Italia ha da sempre problemi cronici di formazione…



© Riproduzione Riservata.