BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

SPECIALE CALCIOMERCATO/ Il Milan con Ronaldinho: per Ancelotti sarà un 4-3-2-1. Il destino di Borriello?

L'arrivo del brasiliano potrebbe spingere l'azzurro verso altri lidi. Si chiude la pista Adebayor, ancora speranze per Sheva
Mentre in Catalunya prosegue la telenovela estiva più seguita del momento, con protagonisti Ronaldinho da una parte, Milan e Barcellona dall'altra, Carlo Ancelotti, in vacanza a Miami, si sbilancia e parla come se l'acquisto dell'attaccante fosse ormai avvenuto. Sicuro di avere il brasiliano alle sue dipendenze per la prossima stagione, si immagina già il nuovo Milan-samba: «Sarà un 4-3-2-1. L'importante è avere i campioni come Ronaldinho, poi ottenere la loro disponibilità al sacrificio».
 
L'arrivo del Gaucho però potrebbe non andare particolarmente a genio a qualcuno, specie tra i suoi concorrenti per un posto da titolare in attacco. In particolare è il destino di Marco Borriello, riscattato con nove milioni dal Genoa, che ne condivideva la comproprietà, ad essere legato a quello dell'ex pallone d'oro. Già accostato a diverse società, Roma e Sampdoria in primis, il bomber, 19 gol in rossoblu l'anno scorso e primo posto nella classifica marcatori scippatagli solo da un sontuoso Del Piero, è tranquillo e sicuro del suo futuro: «Il Milan ha speso quasi 10 milioni di euro per la metà del mio cartellino e mi ha fatto 4 anni di contratto. Quindi di dubbi non ne ha».
 
Su gli altri fronti, sono ovviamente in ribasso le quotazioni di Adebayor, da sempre alternativa a Ronaldinho. Rimane uno spiraglio per la pista che porterebbe al clamoroso ritorno di Shevechenko; va da sé che nel caso l'ucraino dovesse fare ritorno a Milano, a quel punto le chances di Boriello di giocare a S.Siro il prossimo anno sarebbero veramente minime: il reparto offensivo conta già Pato, Inzaghi e Kakà.
© Riproduzione Riservata.