BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPECIALE CALCIOMERCATO/ Roma, l’agente di Bendtner apre a Pradè. Per Mutu servono 18 milioni

Pubblicazione:mercoledì 2 luglio 2008

Dopo le voci insistenti su un possible interessamento per il danese Bendtner, è stato contattato il suo procuratore, Nikola Juric che si nasconde dietro un "No comment" alla domanda se ci sarebbero stati contatti tra la dirigenza giallorossa e quella dei Gunners per Nicklas Bendtner, ventenne danese in forza all'Arsenal. «Non posso commentare alcuna situazione riguardante il mio assistito", dice l'agente del giocatore ai microfoni di Laromasiamonoi.it. Una sorta quasi di ammissione dell'interesse da parte della Roma nei confronti del giocatore, come rivelato ieri da SportItalia. Tuttavia Juric si lascia scappare una frase molto significativa: alla domanda se potrà incontrare la dirigenza giallorossa, ed in particolare Daniele Pradè, Juric risponde "Può essere, mi farebbe piacere». Oggi intanto Juric, come rivelato ieri sera, sarà in Italia per discutere con alcune società il futuro del suo assistito, tra cui anche il Milan, molto interessato al danese per farne la famosa "punta di peso" tanto ricercata.

La ricerca della punta passa da Amantino Mancini all'Inter: secondo la Gazzetta dello Sport, si potrebbe fare con l'arrivo nella Capitale di Viktor Obinna via Chievo. Alla Roma andrebbe insieme ad un conguaglio di 10 milioni. I giallorossi, si sa, vorrebbero solo cash, ma il nigeriano è un giocatore cercato da tempo e, inoltre, permetterebbe ai giallorossi di cedere Esposito.

A Firenze Della Valle ha deciso: nel caso arrivasse un'offerta importante per il campione romeno lo lascerebbe partire. La proprietà fiorentina non vuol ripetere un caso Toni la cui cessione all'Inter venne bloccata prima di venire svenduto l'anno successivo. Per il comprare il fuoriclasse viola servono 18 milioni. Si aspetta la cessione di Mancini per il quale Moratti accelera: per Quaresma ancora non si chiude e a Mourinho bisogna portare qualcuno. Julio Baptista, che sembrerebbe disposto a lasciarlo andare via anche in prestito. La Roma è interessata, ma prima deve vendere Mancini.

Se non sarà Mutu, sarà Julio Baptista. Il bello o la bestia. Il brasiliano comincia a fare pressioni per lasciare il Real Madrid. La Roma, per ora, attende, il manager del centrocampista brasiliano del Real Madrid manda messaggi a Trigoria: «Cicinho e Doni - le parole di Menendez, procuratore di Baptista, al Romanista - parlano spesso a Julio della Roma. Il Real lo cede, ma a titolo definitivo. Impossibile il prestito».

 



© Riproduzione Riservata.