BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPECIALE CALCIOMERCATO/ Dunga prova Ronaldinho-Pato. Ancelotti prende appunti

I due brasiliani testano la loro compatibilità nella preparazione olimpica con la nazionale
Il Milan ha appena iniziato la preparazione per la nuova stagione, anche se la rosa vede assenze illustri dal momento che la società rossonera si è dovuta privare di due dei suoi assi brasiliani come Pato e Ronaldinho. Ma non tutto il male viene per nuocere. A fronte del rischio di subire infortuni c'è infatti la possibilità, soprattutto per il neo acquisto, di rientrare in forma ed arrivare pronto al fischio d'inizio del 31 agosto. Ma soprattutto la spedizione cinese può dare già dei riscontri sul campo del feeling Pato-Ronaldinho, una chiave importante per Ancelotti che ancora deve capire come disporre sul manto verde i tanti campioni che il Milan annovera nel suo organico.
 
E già Carlos Dunga propone una soluzione inedita che il tecnico rossonero potrà vagliare per la sua squadra, ovvero Ronaldinho avanzato nel 4-4-2 per formare col Papero la coppia d'attacco. A questo punto Galliani forse rimpiangerà di non aver lasciato anche Kakà alla nazionale.
Non solo dalle idee tattiche, ma anche dalle parole del ct verdeoro arrivano buone notizie per i rossoneri. Dunga ha infatti parlato del Gaucho come di un campione ritrovato, felice delle sue scelte e pronto a lottare per tornare ad essere il numero uno: "l'ho rivisto felice, sorridente. E' contento di essere andato al Milan e di essere tornato in Nazionale, è un giocatore recuperato".
© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
25/07/2008 - Ronaldinho campione ritrovato? Io ci credo (giacomo marletta)

Sembra che Ronaldinho sia arrivato al Milan con una grande voglia di rimettersi in gioco e di dimostrare che lui è un figlio di Pelè. Infatti per venire a Milano ha rinunciato al contratto faraonico che gli offriva il Manchester City, tanta è la forza di volontà di questo campione. Per quanto riguarda lo stato fisico del Gaucho di Porto Alegre sono ottimista, Ronnie ha smaltito la pancetta magari è un po' indietro con la preparazione rispetto agli altri rossoneri ma con le Olimpiadi tornerà a prendere confidenza con il campo. Sono convinto che nel giro di qualche mese Ronnie ritornerà a essere uno dei giocatori più forti al mondo. Che abbia perso la sua classe in due anni? Beh non credo. Lo stesso discorso non vale per il nerazzurro Adriano: infatti come Ronnie Adriano viene da qualche annata no, ma c'è una differenza Ronaldinho ha dimostrato più volte di essere un campione mentre Adriano era considerato un giocatore molto promettente ma di essere un campione devo ancora dimostrarlo...staremo a vedere