BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

SPECIALE CALCIOMERCATO/ Spalletti: Aquilani potrebbe partire. Piacciono Silva e Malouda e dal giocatore iberico arrivano apprezzamenti per la Roma

Spalletti comincia a innervosirsi: due acquisti servono per stare a livello delle altre. E il rischio di perdere Aquilani è concreto.

Le parole di Luciano Spalletti non tranquillizzano la Roma e il suo popolo sulla questione Aquilani: «Nei confronti di Aquilani ho le stesse attenzioni che presto ad altri giocatori, forse anche qualcosina di più considerata la sua età. Per me Alberto è un giocatore importante e lui mi ha detto che resta, ma poi ci sono cose nelle quali intervenire ben poco. Vengono qui e te lo portano via. E' già successo con altri giocatori». Le parole di Spalletti fanno subito il giro di Roma: il tecnico ha solo voluto dare una scossa alla dirigenza per sollecitare la firma di Aquilani sul nuovo contratto? La Juve e Inter sono pronte e stanno alla finestra.

Poi il tecnico torna a parlare del caso-Mutu e delle voci di mercato che vorrebbero Malouda e Silva nel mirino della dirigenza giallorossa.

«Mutu? Erano state richieste delle condizioni per andare a trattare il giocatore - ha affermato Spalletti ai microfoni di Sky Sport -, noi queste condizioni le avevamo create e messe a disposizione, poi loro hanno deciso di far rimanere il giocatore, una scelta che è stata rispettata, che per certi versi condivido e che mi fa piacere per il mio collega Cesare Prandelli. Noi siamo stati solo a quello che è stato imbastito come trattativa, assolutamente corretti. Se Mutu ha deciso di non venire alla Roma e la Fiorentina ha deciso di tenerlo, non è certo dipeso dalla Roma. Noi siamo tranquilli di poter fare il nostro mercato perché poi avevamo offerto una cifra importante che, di conseguenza, ci permetterà di andare a completare la nostra rosa. E poi ognuno fa la sua strada. Aquilani? Per me rimane alla Roma perché se prima avevamo detto che ci vuole un centrocampo importante, questo suppone che lui rimanga da noi. Poi le altre domande vanno fatte alla società, allo stesso Aquilani, che sono le componenti importanti di questo discorso. Silva e Malouda? Sono due grandi calciatori. E' chiaro che poi bisognerà vedere nella trattativa quello che sarà più accessibile per quelle che sono le nostre esigenze e di conseguenza, visto che ci sono ancora molti giorni, dobbiamo fare le cose mirate, con calma, valutando poi quello che è il nostro collettivo e il tipo di programmazione che abbiamo fatto senza andare a rincorrere cose eclatanti che poi sotto l'aspetto pratico non fanno squadra o non danno quelle caratteristiche che ormai il nostro gruppo ha fatto vedere che sono importanti per avere dei progetti seri».

Insomma, molte perplessità rimangono, quello che è certo è che la Roma ha bisogno di due acquisti di prima scelta. I siti romanisti e molti opinionisti sono divisi su quali possano essere le reali mire di Pradé e compagni. Rispunta anche l’ipotesi Huntelaar, ma non è l’unico nome sulla lista. I

Ntanto il sito romanews.eu riporta le dichiarazioni dell’agente di Silva che non lesina apprezzamenti per la squadra della Capitale.

Il 21enne di Arguineguín — fanno sapere dall’entourage del ragazzo — ha ancora quattro anni di contratto con la società levantina, nella quale è perfettamente ambientato. Difficilmente chiederà di essere ceduto, ma se la dirigenza iberica volesse venderlo, sarebbero valutate le soluzioni migliori. Certamente — assicurano — Roma sarebbe una destinazione gradita, anche per l’importanza raggiunta da Spalletti & Co. a livello europeo. Il campionato italiano, per il giocatore, potrebbe rappresentare una buona opportunità sia a livello personale che sportivo, visto peraltro che il Valencia sembra aver rifiutato 22 milioni di euro per il piccolo numero 21. Allo stato attuale, comunque, da Trigoria non sono arrivate richieste. Fino a questa mattina.

© Riproduzione Riservata.