BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPECIALE CALCIOMERCATO/ La Juventus vuole piazzare il colpo: si stringe per Aquilani

La Juve punta tutto su Aquilani, la decisione finale spetta alla Roma che ha preso atto della volontà del giocatore di non voler rinnovare il rapporto. Si può fare, soprattutto se i giallorossi mettono a segno un grande colpo (David Villa)

Qual è la potenzialità di questa Juve? In molti si chiedono dove può arrivare la compagine allestita da Ranieri, un mix di quantità e qualità di buon livello. L’anno scorso da neopromossa ha sfruttato il fattore sorpresa e soprattutto la mancanza di impegni europei. In questa stagione metterà in campo la proverbiale grinta ormai nel dna della Vecchia Signora, ma basterà? Ranieri – a differenza di molti opinionisti - è convinto delle qualità tecniche della sua rosa che potrebbe essere ulteriormente ampliata (si fanno i nomi di Aquilani e Stankovic). Indubbiamente la Juve si è rinforzata: in difesa ha perso definitivamente Andrade e Birindelli, ma ha trovato De Ceglie, Knezevic e Mellberg. Soprattutto De Ceglie (impegnato con l’Olimpica insieme a Giovinco e Marchisio) forma una valida alternativa a Molinaro sulla corsia di sinistra. A destra se dovesse partire Zebina, i bianconeri potrebbero esercitare l’opzione su Campagnaro della Samp che piace molto anche al Milan. A centrocampo Marchisio sostituisce Nocerino, mentre il danese Poulsen si aggiunge al duo Zanetti-Sissoko. Manca ancora un centrale (Aquilani) capace di inserirsi e di arrivare al tiro. La Juve ha formalizzato l’offerta (22 milioni di euro e 3,2 milioni a stagione al giocatore), la Roma tentenna ma potrebbe utilizzare il denaro per andare a prendere, visto che è sfumato Mutu - David Silva del Valencia. A destra staziona Camoranesi con la speranza che Marchionni (frenato da mille infortuni) riesca ad essere un valido sostituto in alcune circostanze. A sinistra, invece, il gladiatore Pavel Nedved non vuole cedere il passo. In quella zona di campo la Juve sta tentando di arrivare a Stankovic, ma il discorso è rimandato a dopo i preliminari. Non bisogna dimenticare l’estro di Giovinco, in grado di giocare anche in quella posizione. In attacco Amauri è il valore aggiunto con Trezeguet, Iaquinta e Del Piero. La vera sorpresa potrebbe essere Iaquinta molto duttile tatticamente e in gardo, quindi, di poter giostrare in un ipotetico tridente (da una parte Camoranesi, in mezzo Amauri o Trezeguet e dall’altra Iaquinta). Un dato, però è certo: se Del Piero ripete il rendimento della passata stagione è sicuro del posto.

© Riproduzione Riservata.