BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPECIALE CALCIOMERCATO/ Juventus, Poulsen più di Xabi Alonso, uomini mercato in confusione

La Juve si concentra su Poulsen e abbandona la pista Xabi Alonso. Oggi si decide. Troppa inesperienza dei dirigenti e pochi soldi da investire per una formazione che si prepara ad affrontare i preliminari di Champions  

Che confusione. Non piace sicuramente ai tifosi questo tira e molla. La Juve non trova il suo centrocampista. L’obiettivo principale, Xabi Alonso, manda messaggi d’amore al Liverpool e si allontana dai bianconeri, la Vecchia Signora ripiega sul danese Poulsen del Siviglia. Una cosa è certa: la dirigenza non ha molti soldi da spendere, altrimenti non si spiegherebbero tutte queste complicazioni. Era iniziato tutto con Flamini che aveva preferito a suo tempo l’offerta del Milan. Nemmeno Stankovic sembra in procinto di passare alla Juve: il contratto proposto dai bianconeri evidentemente non lo soddisfa. Alessio Secco paga una certa inesperienza, così come Cobolli Gigli che annuncia a ripetizione i giocatori prima di vederli sfumare. Oggi si decide per Poulsen, ma è come si può spiegare ai tifosi la scelta di una centrocampista di quantità rispetto a un centrale (Xabi Alonso) che tesse le trame di gioco? I giocatori considerati fondamentali da Ranieri di punto in bianco sono diventati superflui. Che confusione. La Juve avrebbe bisogno di due nuovi giocatori a centrocampo, valide alternative a Cristiano Zanetti, soggetto a continui problemi fisici, a Pavel Nedved non più nel fiore dell’età. Non può bastare il ritorno di Marchisio. Se Almiron va alla Sampdoria, la grana Tiago non è ancora risolta: il portoghese ha diversi estimatori ma non si decide a trovare una collocazione. E se alla fine restasse un altro anno? L’unico reparto sicuro e affidabile è l’attacco considerata anche la conferma del jolly Iaquinta. Con l’acquisto di Amauri e la possibile esplosione di Giovinco rischia il posto Del Piero. In difesa si cerca un jolly in grado di stazionare sia a destra che a sinistra. Non c’è che dire: un cantiere ancora in costruzione.

 

© Riproduzione Riservata.