BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SERIE A/ Le pagelle dei nerazzurri (Inter-Lecce 1-0)

La squadra di Mourinho fatica molto, ma grazie a Cruz (subentrato in corso di partita) si imponge con il minimo scarto

Cruz_Inter_TorinoR375_24sett08.jpg (Foto)

INTER-LECCE 1-0 (p.t. 0-0)

MARCATORI: 79' Cruz.

INTER (4-3-3): Julio Cesar; Zanetti, Cordoba, Burdisso, Chivu (dal 72' Cruz); Vieira, Cambiasso, Stankovic (dal 46' Quaresma); Mancini, Ibrahimovic, Adriano. All.: Mourinho.



LECCE (4-4-2): Benussi; Angelo (dal 51' Diamoutene), Stendardo, Fabiano, Esposito; Munari, Zanchetta, Ardito, Ariatti; Cacia (dal 75' Caserta), Tiribocchi (dal 54' Castillo). All.: Beretta.



ARBITRO: Mauro Bergonzi di Genova.



AMMONITI: 43' Chivu; 58' Quaresma; 61' Esposito.

 

 

Julio Cesar 6,5 Un miracolo nel primo tempo su gran botta da fuori

Zanetti 6 Tornato al ruolo di terzino destro trova una voragine davanto a se ma non la sfrutta mai sembra timido. Nella ripresa torna a metà campo e torna se stesso

Burdisso 6 Sicuro e grintoso. Non ha molto da fare

Cordoba 6 Il duello fisico con il gigante Tiribocchi è improponibile, lo vince con la rapidità

Chivu 5,5 Il passo non c'è ancora, se la cava con classe

Vieira 6 Manovra sul centrodestra. È ordinato ma non affonda mai il passaggio

Maicon 6,5 Meno preciso del solito ma quando entra si sente. La fascia è sua

Cambiasso 7,5 Preciso e puntuale è il dominatore incontrastato del centrocampo


Stankovic 4 Sembra spaesato, non ne azzecca una.

Quaresma 6 Entra e regala qualche guizzo dei suoi. Poi Mourinho lo sposta a destra e si spegne.

Mancini 6,5 È in grande forma ma sbatte contro l'attenta retroguardia del Lecce; suoi gli spunti migliori nel soporifero primo tempo.

Adriano 5 Lotta, corre ma si propone poco e nel primo tempo spedisce fuori di testa una palla che era solo da spingere dentro. Non c'è ancora.

Ibrahimovic 7 Oggi non molto concreto, ma è sempre nel vivo dell'azione: lotta, dribbla smista palloni su palloni.

Cruz 7,5 Mourinho lo mette dentro al posto di Chivu facendolo giocare dietro Ibra e Adriano, mettendo un po' di sale in un attacco troppo anarchico. Entra e segna il gol. Decisivo come lo è stato quasi sempre negli ultimi anni. Un messaggio per Mourinho.

© Riproduzione Riservata.