BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INTER/ Mourinho contro tutti: Ranieri? Ci ha messo 5 anni per imparare "goodbye"

Pubblicazione:

mourinho_strizza-occhioR375-22set08.jpg

Derby - Lo special one prende tutta la tensione che storicamente precede i derby e la schiaccia in angolino: «Dal Milan non mi aspetto niente, mi aspetto una squadra con bravi giocatori e che vuole vincere la partita. Noi esattamente lo stesso: vogliamo vincere, abbiamo fiducia, siamo una squadra che sa che dopo la partita sarà davanti al Milan in classifica e tranquilla per giocare una bella partita che penso piacerà a tutti».



Con Baresi e contro Ranieri - Continuano le provocazioni verso il tecnico della Juve, non è chiaro se l'antipatia sia a pelle o se Mourinho abbia già individuato la pretendente numero uno per lo scudetto e inizi a lavorare ai fianchi. Mourinho si sa, non lascia nulla al caso, e anche il suo modo di comunicare è dettato da una precisa strategia. «Io ho studiato cinque ore al giorno l'italiano per diversi mesi per poter comunicare con voi giornalisti, con i tifosi e pensate che vi abbia mancato di rispetto? Parla poi Ranieri che dopo cinque anni in Inghilterra ha avuto difficoltà a dire 'good morning' e 'good afternoon'. Chi è lui? Chi può dirmi di non mandare Baresi in conferenza stampa è Moratti, il presidente e nessun altro». E poi, sempre più duro, punta ai giornalisti: «Voi non avete rispettato Baresi. Il concetto è chiaro, se non avete capito posso farvi anche un disegno».



Beretta - Poteva mancare l'allenatore del Lecce che aveva criticato la sua assenza in conferenza stampa? «Beretta ha parlato con me allo stadio e non mi ha detto niente. Se dopo ha detto qualcosa alla stampa a me non l'ha detta. Forse ha bisogno di lavorare un po' sulla personalità. Ha paura di parlare con i colleghi e poi parla alla stampa? È un po' strano per me».



Il calcio italiano - «Mi sembra che gli italiani non sono tanto innamorati di calcio come io pensavo, sono innamorati più dello show televisivo. Nessuno si preoccupa per il fatto che il calcio italiano è considerato un prodotto molto piccolo fuori dall'Italia, non paragonabile alla Premier League. Il Lecce mercoledì ha giocato con 3 portieri e 8 difensori eppure a fine gara tutti si sono preoccupati sul perchè a parlare con la stampa è venuto Baresi».



© Riproduzione Riservata.