BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

JUVENTUS/ Chirico: «Con Ranieri sarà difficile vincere qualcosa di importante»

Pubblicazione:martedì 30 settembre 2008

ranieri_Q375_22sett08.jpg (Foto)

Abbiamo chiesto a Marcello Chirico, opinionista di Telelombardia e tifoso bianconero, un commento sulla Juve in vista della sfida di stasera in Champions e sul campionato.

 

Il malumore del popolo juventino per questo inizio di stagione non proprio esaltante si sta incanalando con sempre maggiore convinzione nei confronti di Ranieri. Lei cosa ne pensa?

 

Ranieri non ha mai dato sicurezza e dal primo momento in cui è stato scelto io l’ho giudicato negativamente. E’ una persona preparata, brava, con molta esperienza internazionale ma non ha un palmares adeguato alla Juve. Lippi, quando arrivò, aveva già dimostrato con l'Atalanta e con il Napoli di avere delle doti. Ha portato entrambi in Coppa Uefa. Cos’ha allenato Ranieri? La Fiorentina di Baiano e Rui Costa, una squadra forte, e ha vinto una Coppa Italia. E’ andato al Chelsea, con giocatori come Deschamps, Vialli, Zola, Terry e Lampard. E’arrivato in semifinale di Champions League, ma cosa ha vinto? Niente. Al Valencia ha vinto una Coppa del Re, che equivale alla nostra Coppa Italia. Ha allenato squadre di altissimo profilo ma non è riuscito mai a vincere. Per questo mi stupì che la Juve puntasse su un allenatore che aveva avuto le sue possibilità senza mai riuscire a sfruttarle. E oggi stiamo rivedendo il Ranieri di Chelsea, Valencia e Fiorentina. Un allenatore a cui vengono date occasioni, viene fornita una buona squadra ma non riesce a portarla alla vittoria. La Juventus sarà anche una Juventus in ricostruzione dopo calciopoli, ma ha comunque una rosa che è di qualità e soprattutto quest’anno non è inferiore a quella di altre squadre.

 

Discutibili anche alcune scelte in fase di mercato?

 

Va detto che quando allenava Lippi non decideva nulla sugli acquisti perchè c’era la triade che si muoveva autonomamente. Forniva i giocatori e Lippi con quelli riusciva a vincere. La dirigenza attuale invece ha messo Ranieri nelle condizioni migliori perchè può scegliere gli elementi che vuole. Ma lui cosa fa? Li sbaglia! Prende Thiago o Andrade, il più grande sfacelo che potesse procurare alla Juventus anche come perdita in bilancio. Quest’anno ha scelto Poulsen, che a me piace, ma non ci serve. Avevamo bisogno di un altro tipo di giocatore. Sono convinto che se avessimo un altro allenatore a questo punto avremmo Xabi Alonso o Diego del Werder Brema.

 

Perchè secondo lei Ranieri non è mai riuscito a vincere, pur con squadre di livello?

 

Non vince perchè non è un vincente, è un “fifone”. Quando deve fare una sostituzione ha paura. In Inghilterra lo chiamavano "thinkerman", che ha una doppia accezione: sia "l’uomo che pensa", sia "il pasticcione". Lui pensava troppo e dopo aver pensato per ore combinava il pasticcio. Lui pensa, sta in piedi davanti alla panchina, guarda la partita, osserva e poi sbaglia i cambi. Oppure non li fa proprio, come a Genova. E siccome questi erano gli errori che commetteva già l’anno scorso sono preoccupato. Dopo cinque partite abbiamo un punto meno dell’anno scorso e quest’anno andremo peggio. Allora mi chiedo cosa ci teniamo a fare uno come Ranieri che sarà serio, bravo a preparare tutto, ma non da Juve? L’anno scorso lo abbiamo anche idolatrato perchè ci ha portato in Champions. Se non porti la Juve in Europa sei un fallimento totale. E' il minimo indispensabile per un allenatore della Juve. Il miracolo è quando porti in Champions una squadra come il Chievo, che arriva dalla periferia di Verona, con una rosa di giocatori buoni ma non di livello altissimo. Ma non puoi parlare di "miracolo" se porti la Juve in Champions. E’ quantomeno la normalità.

 

Uno dei principali capi d'accusa è la gestione di alcuni giovani, in primis Giovinco...

 

Giovinco ha questo problema del contratto, che sta un po’ alterando i dirigenti della Juve perchè è giovanissimo e va già a chiedere un aumento. Ma quando gli è stata data una possibilità, col Catania, ha fatto vedere cose che nemmeno Pato e Balotelli assieme hanno fatto vedere alla prima apparizione. Giovinco ha subito mostrato di che pasta è fatto, di essere un campioncino. Uno così innanzitutto non te lo fai scappare. Seconda cosa: lo fai giocare. Ranieri invece pensa. Si gira, lo guarda, lo fa scaldare, e intanto pensa amleticamente: «lo metto, o non lo metto?». E intanto la squadra non segna e pareggi a Genova. Con la Samp non si sbloccava la partita, avrebbe dovuto cambiare tutto. Mourinho è un simpatico-antipatico, ma una dote certa ce l’ha: il coraggio. Quando vede che la situazione è stagnante, mette dentro cinque attaccanti e prova a vincere. Insomma, lui forse è anche convinto delle sue idee ma all'esterno appare timoroso, dovrebbe osare visto che la rosa c'è. Non è un sacrilegio togliere Amauri o Del Piero, in corsa si può cambiare, come faceva Lippi.

 

A suo avviso il matrimonio della Juve con Ranieri è destinato a protrarsi a lungo?

 

 

Io spero che a Torino si rendano conto che lui non è un campione come lo era Lippi. Anche se, credo,  alla dirigenza fa comodo uno così: costa meno di altri, non crea problemi. C'è una curiosità sulla modalità che il Cda della Juve adottò per scegliere Ranieri. Quando dovevano sostituire Deschamps non avevano le idee chiare. Si narra che i membri del Cda scrissero su un bigliettino il nome dell'allenatore che preferivano e procedettero per estrazione. Tardelli scrisse Ranieri e la sfortuna volle che venne estratto quel biglietto. Tra l'altro dopo due settimane Tardelli fu fatto fuori. Magari questa è una leggenda, di certo fu Tardelli a volere Ranieri.

 

Lei, invece, lo cambierebbe anche oggi?

 

Per sostituirlo con chi? Avremmo dovuto cambiare quest'estate, dirgli grazie e arrivederci, non fargli fare il mercato e prendere un altro. Delio Rossi ad esempio, che era stato contattato ed è meglio di Ranieri. Io avrei voluto Lippi, conosce l'ambiente e sa come muoversi alla Juve ma lui,  giustamente, ha preferito la Nazionale. Altrimenti un allenatore che a me piace tantissimo e che la Juve dovrebbe prendere è Rafa Benitez. Quello è un allenatore da Juve! E poi alla Juventus non si usa mandare via l'allenatore. A meno che non sia lui il primo a volersene andare, ma dove può andare Ranieri? Forse ci sarebbe bisogno di un’altra estrazione.

 

Magari Tardelli al momento è in un altro Cda...

 

Tardelli ora è in Irlanda con Trapattoni. Ho molto rispetto di Tardelli, rimane un grandissimo, un mito. Però alcune idee sono discutibili e alla fine è arrivato Ranieri e rimarrà. A meno che non ci porti in zona retrocessione, ma eviterei l’ipotesi. Comunque, non voglio fare Cassandra ma più che bianconero vedo proprio nero e la Juve quest'anno non vincerà nulla.

 

Stasera la Juve affronta il Bate. Come la vede?

 

Se non vince stasera col Bate Borisov possiamo veramente “cambiare mestiere”. Già abbiamo avuto problemi a Bratislava con l'Artmedia. Loro faranno la partita della vita, ma mi auguro che anche Ranieri riesca a vincere.



© Riproduzione Riservata.