BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CALCIO/Il mercato dei disoccupati

Pubblicazione:giovedì 4 settembre 2008

victor_appiah2_R375x255_4set09.jpg (Foto)

Il mercato è finito, ma non per tutti. Si aprono i saldi. C’è un lungo elenco di giocatori che aspetta, e può farlo fino al 31 marzo 2009, di trovare una collocazione. Sono i calciatori disoccupati o, se suona meglio, svincolati. Ci sono quelli dai contratti “insostenibili” come Luis Nazario da Lima, per tutti Ronaldo, ma ci sono anche dei buoni affari per squadre alla ricerca di uomini di esperienza. Se Ronaldo è prossimo all’avventura con il Flamenco, per gli altri i tempi non sono ancora maturi. Proprio in queste ore potrebbero cogliere al volo l’occasione: molte compagini non sono riuscite a chiudere il colpo prefissato e magari si ritrovano scoperte in determinati reparti; gli stessi calciatori, inoltre, non vogliono restare fermi un anno. Certo non sono i giocatori che conquistano l’entusiasmo dei tifosi, ma sono comunque delle buone pedine da inserire nello scacchiere. E poi del resto spesso si faticano a capire le motivazioni che hanno portato nel dimenticatoio alcuni interpreti del gioco più amato dagli italiani. Chi cerca un portiere può sempre rivolgersi agli esperti Luca Bucci (ex Parma) e Cristiano Lupatelli (ex Roma e Chievo). Bucci può essere, data l’età anagrafica, un buon secondo, ma non è poi così scontato: “nonno” Antonioli si è tolto la soddisfazione di battere, da titolare a San Siro, il suo ex Milan. Lupatelli è, forse, ricordato più per il look, ma bisogna sottolineare che è anche un portiere affidabile. Un tempo in Italia non si sarebbero mai sognati di rivolgersi all’estero per il ruolo del portiere, oggi c’è la corsa al portiere straniero. Potere della globalizzazione. In difesa Valerio Bertotto e Gaetano De Rosa (il difensore con il vizio del gol) potrebbero dire la loro in qualsiasi squadra della serie B. Lo stesso Fabio Galante ha molte richieste, ma forse anche molte pretese (contrattuali). A centrocampo l’affare potrebbe essere Appiah che inizialmente sembrava rientrasse nei piani della Juve, ma la mancata cessione di Tiago ha bloccato tutto. Il ghanese, corteggiato anche dal Torino, ha offerte dalla Spagna (Santander) e dall’Inghilterra (West Ham del direttore sportivo Gianluca Nani, ex Brescia). Attualmente si allena a Brescia, ma il suo ingaggio non è alla portata delle rondinelle. L’ex azzurro Stefano Fiore a Mantova ha avuto poche possibilità di mettersi in mostra, ma potrebbe essere utile a molte squadre. L’ex juventino Alessio Tacchinardi, dopo l’esperienza in terra spagnola, è reduce da una buona stagione con il Brescia: ha la stoffa da leader e può giocare ancora a buoni livelli. Per non dimenticare Giuliano Giannichedda, autentico jolly della Lazio prima e della Juve poi, che ha visto ai box per un infortunio quasi tutta la passata stagione al Livorno. Il Brescia ha corteggiato a lungo l’ex perugino Fabio Gatti (26 anni), ma con l’arrivo di Baronio l’affare dovrebbe sfumare.

© Riproduzione Riservata.