BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NAPOLI/ Dura contestazione dei tifosi: «De Laurentiis compra!»

Pubblicazione:lunedì 26 gennaio 2009

DeLaurentiis_R375_20ott08.jpg (Foto)

Dopo la bruciante sconfitta del Napoli ad opera della Roma, per gli azzurri è crisi vera. Troppe infatti le prestazioni negative inanellate negli ultimi tempi. Dopo il ruolino di marcia da retrocessione lontano dal San Paolo (basti pensare che il Napoli non vice fuori casa dal 26 ottobre scorso, uno a zero sulla Lazio a Roma) si è aggiunta anche la pesante sconfitta in casa, causata forse più da disattenzioni e poca cattiveria agonistica che da una differenza di tasso tecnico. E naturalmente questa situazione non sta bene ai tifosi che ieri, stando a quanto si legge sulla Gazzetta dello Sport, per tutta la gara ed anche nel post-partita, hanno contestato duramente la squadra. Dalle curve giungevano cori come «Tira fuori i milioni, Aurelio», naturalmente diretti al patron partenopeo. Ma anche striscioni del tipo «E se facciamo un colletta, fai arrivare un giocatore in tutta fretta?», ben visibile dalla tribuna Vip dove De Laurentiis era seduto. Anche a fine gara l’ira dei tifosi non si è placata. Un gruppo di supporters del Napoli si è infatti appostato all’uscita del passo carraio, in attesa del pullman della squadra. Prima è passato De Laurentiis, scortato da una macchina della polizia, poi è stata la volta dei giocatori, dell’allenatore e di Marino. Per tutti solo grida e insulti, a partire dal presidente e dal dg, che non hanno intenzione di migliorare la rosa, dall’allenatore, responsabile del gioco della squadra e per finire dei giocatori, apparsi troppo spesso svogliati e poco determinati. Il dg Marino ha rilasciato solo le seguenti brevissime dichiarazioni «C'è poco da dire, parlerò in settimana». E mercoledì intanto, il Napoli è atteso ad una prova di forza e di coraggio, la gara a Firenze contro la Fiorentina, e nel caso di ennesima sconfitta qualche testa potrebbe saltare.



© Riproduzione Riservata.