BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Roma, è sempre più Champions. Leggi le pagelle dei giallorossi (Roma-Palermo 2-1)

Pubblicazione:

Totti_ciuccio_R375_29gen09_phixr.jpg

 

ROMA-PALERMO 2-1
(primo tempo 2-1)

MARCATORI: Totti (R) al 24', Cavani (P) al 32', Brighi (R) al 47' pt.

ROMA (4-3-1-2): Doni; Cicinho, Mexes, Juan, Riise; Perrotta (10' st Pizarro), De Rossi, Brighi; Aquilani (28' st Taddei); Vucinic, Totti (39' st Cassetti). (Artur, Tonetto, Menez, Okaka). All.: Spalletti.

PALERMO (4-3-2-1): Amelia; Cassani, Carrozzieri, Bovo, Savini (40' st Succi); Migliaccio (42' pt Guana), Liverani, Nocerino (16' st Michedlidze); Simplicio, Bresciano; Cavani. (1 Ujkani, 4 Gio. Tedesco, 22 Di Matteo, 24 Kjaer). All.: Ballardini.

ARBITRO: Pierpaoli di Firenze.

NOTE: spettatori 35 mila circa. Ammoniti Liverani e Doni. Angoli 2-2. Recuperi 3' e 4'.

 

Doni 6 L’estremo difensore brasiliano, già dai primi minuti intuisce che non lo attende una serata di relax. Tuttavia, nonostante la pressione costante degli uomini di Ballardini, solo ad inizio ripresa è chiamato in causa facendosi comunque trovare pronto quando è a tu per tu con Bresciano. Incolpevole sul gol del momentaneo pareggio rosanero firmato da Cavani.


Cicinho 6 Il laterale carioca inizia bene confermando i progressi mostrati nelle ultime gare. Nel primo tempo fornisce una spinta costante sulla sua corsia di competenza senza dimenticare, però, le chiusure difensive. Cala vistosamente nella ripresa.

 

Mexes 6,5 I continui inserimenti provenienti dal folto centrocampo rosanero gli procurano non pochi problemi. Tuttavia, il biondo centrale francese comanda la difesa con la consueta sicurezza ed, alla fine, è il migliore della retroguardia giallorossa.

 

Juan 6 Un passo indietro rispetto alla sontuosa prestazione offerta a Napoli, tuttavia il capitano della Seleção pur non timbrando il tabellino dei marcatori, come nella passeggiata all’ombra del Vesuvio, offre comunque una prova soddisfacente.

 

Riise 6 Inizia bene, tanto che proprio dai suoi piedi nasce il primo pericolo per la retroguardia rosanero. Come il compagno di squadra sulla corsia opposta, cala nella ripresa forse anche per gli ordini di scuderia provenienti dalla panchina. Il risultato, infatti, era troppo importante e lasciare varchi sulle corsie esterne sarebbe stato davvero pericoloso.

 

De Rossi 6 Nel primo tempo soffre immensamente il pressing del folto centrocampo rosanero. Le difficoltà della Roma, probabilmente, sono dovute proprio alla gabbia costruita intorno al metronomo giallorosso. Oltretutto è deficitario anche nel suo consueto ruolo di diga davanti alla difesa. Cresce notevolmente nella ripresa. E’ fantastico quando, su suggerimento di Totti, si invola nella metà campo avversaria mettendo a sedere mezza retroguardia siciliana, portiere compreso. Peccato perché la galoppata meritava esito migliore.

 

Perrotta 5 Riproposto nel ruolo d’interno destro per far rifiatare Taddei, offre una scialba prestazione. Corona la sua serata negativa quando, molto ingenuamente, perde palla a centrocampo dando il via all’azione che porta al momentaneo pareggio di Cavani. Toccato duro sul finire del primo tempo, esce ad inizio ripresa.

 

Pizarro 6 Il cileno, come di consueto, tiene palla e fa ragionare la smarrita Roma di questa sera. Il solito geometra.

 

Brighi 6,5 Non finisce mai di stupire. Anche lui è imbrigliato nella ragnatela rosanero che affolla la zona del centrocampo. Tuttavia, ha il fondamentale merito di farsi trovare pronto sull’assist di Totti e, con un preciso colpo di testa, dopo le tre prodezze europee sigla anche il suo primo gol in campionato. Nella ripresa, come un leone, si avventa su ogni palla.

 

Aquilani 5,5 Non festeggia nel modo migliore la sua centesima presenza in maglia giallorossa. Spalletti lo sistema nel ruolo di vertice alto del rombo giallorosso, ma il talentuoso centrocampista non entra quasi mai in partita cancellando l’ottimo secondo tempo di Napoli.

 

Taddei 6 Non si vede molto, ma entra per dare quantità più che qualità al sofferente centrocampo giallorosso. Missione compiuta.

 

Totti 7 Insostituibile. Spalletti, in sua assenza, ha fatto di necessità virtù. Tuttavia, senza il suo talento una scialba prestazione, come quella di stasera, difficilmente si sarebbe conclusa con una preziosa vittoria. Un gol ed un assist, la Roma stasera è lui.

 

Cassetti sv Ha giusto il tempo per farsi male. Peccato la sua è una stagione davvero sfortunata. Considerando il Caso Panucci speriamo non si tratti di nulla di grave, ma da una prima diagnosi non sembra sia così.

 

Vucinic 5,5 Quasi inesistente nel primo tempo, cresce nella ripresa, ma si divora un gol praticamente già fatto. I palloni da spedire in rete non sono il suo pezzo forte, il montenegrino ama i gol impossibili. Non è la sua serata. Evidentemente anche lui, visti gli impegni ravvicinati, è molto stanco.

 

Spalletti 6 Probabilmente, è ancora scosso dal caso Panucci. Ballardini imbriglia il rombo giallorosso rafforzando il centrocampo rosanero e lasciando al solo Cavani il compito di colpire la Roma. Il tecnico di Certaldo sembra non trovare le giuste contromisure. Tuttavia, alla fine il risultato gli sorride, ma che sofferenza.

 

fonte: romagiallorossa.com



© Riproduzione Riservata.