BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA/ Milan, Sanvito: Taçi dai rossoneri alla Saras di Moratti?

ta%C3%A7i_galliani_R375x255_16ott09.jpg (Foto)

Un Milan valutato dal presunto venditore più o meno 1 miliardo di euro non mi sembra sia alla portata dell'intraprendente petroliere albanese. A meno che sia in partnership con qualcun altro molto più potente a livello economico.

 

Resta il fatto che Taçi si è esposto pubblicamente...

Il calcio è un ottimo veicolo di comunicazione. Il petroliere dell'Uzbekistan, Isok Akbarov, si è fatto conoscere nel mondo per aver offerto 40 milioni di ingaggio a Eto'o e per aver scucito 5 milioni al presidente Laporta, solo per ottenere una partitella a porte chiuse tra il suo Bunyodkor e il Barça di Messi nel campo di allenamento del Barcellona.


Quindi le avances di Taçi sul Milan sarebbero un puro escamotage pubblicitario?

Questo non lo so, lui ha buoni rapporti con Berlusconi, per nulla infastidito dalle sue esternazioni. Una quota di minoranza nel Milan o magari un ingresso in Fininvest in cambio di appoggi influenti per gli affari internazionali del petroliere potrebbe anche starci. Ma resto scettico.

Ritengo che Taçi sia più interessato a sedersi nel Consiglio di Amministrazione della Saras di Moratti che in via Turati. Gli basterebbe il 5% delle azioni. Ha due modi per farlo: rilevare la quota delle Assicurazioni Generali o rastrellare in Borsa azioni. Entrare in Saras, senza la benedizione della famiglia Moratti, è un'operazione quasi impossibile oltre che costosa. Credo che alla fine resterà un sogno proibito...

© Riproduzione Riservata.