BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESCLUSIVA/ Milan, Sanvito: Taçi dai rossoneri alla Saras di Moratti?

Pubblicazione:venerdì 16 ottobre 2009

ta%C3%A7i_galliani_R375x255_16ott09.jpg (Foto)

ESCLUSIVA MILAN - Leonardo in vista della posticipo serale contro la Roma cambierà il modulo di gioco. Ma oltre alla mancanza di risultati dietro la società rossonera si rincorrono voci di possibile cessione anche di quote di minoranza. Abbiamo chiesto a Nando Sanvito, giornalista sportivo di Mediaset, di analizzare la situazione in casa rossonera. Avanzando anche un'interessante ipotesi sulle possibile intenzioni del petroliere Taçi.

 

Riprende il campionato e, come anche tu suggerivi da tempo, Leonardo sembra aver deciso il cambio di modulo...

Così pare. Dovendo limitare i danni di una rosa scompensata tatticamente e anagraficamente, era inevitabile abbassare "la cresta" ed essere realisti. Meglio tardi che mai, il compito di Leonardo è difficile, temo anzi non basti neppure passare passare al 4-4-2 per ridare competitività alla squadra.

 

Cosa vuoi dire?

Come sempre la resa di un modulo dipende dagli interpreti, da quelli che chiami a suonare lo spartito. A Bergamo si è visto che anche col 4-4-2 la difesa è stata perforabile. Certo può dipendere da errori individuali, come forse in quel caso, ma credo che ad esempio davanti alla difesa centralmente vada affiancato a Pirlo qualcuno che abbia molto dinamismo. Tenere, come a Bergamo, un Flamini a destra nel centrocampo, è un'arma spuntata. Lui rende, come all'Arsenal, centralmente.


Fosse così semplice la soluzione...

E' chiaro che stiamo parlando di uno solo dei fattori che può migliorare la fase difensiva dei rossoneri. Ma poi si è visto che il 4-4-2, se ti consente miglior copertura, inaridisce la fase offensiva. E qui non mi spiego il tabù Pirlo. Sembra che al Milan, al contrario che in Nazionale, suoni a bestemmia pensare di proporlo in un ruolo più avanzato. Capisco che se non hai davanti alla difesa uno coi piedi buoni (alla Beckham tanto per intenderci), la manovra arranca e quindi preferisci tenere Pirlo in quella posizione. Ma una volta recuperata la rosa al completo, contro qualche avversario, si può anche pensare a un 4-2-3-1 con Pirlo avanzato e due fra Pato, Ronaldinho o Abate larghi dietro alla punta.

 

Capitolo cessione del club, al di là delle assicurazioni di Berlusconi, ci sono novità sul fronte Taçi?

 


  PAG. SUCC. >