BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

MILAN/ Contro la Roma Leonardo non vuole alibi: «La squadra è forte, ora dimostriamolo»

Il tecnico brasiliano carica i rossoneri in vista del posticipo di questa sera

Leonardo_R375_28lug09.JPG(Foto)

MILAN – E’ un Leonardo carico e nel contempo che tenta di incoraggiare i suoi uomini quello apparso ieri in conferenza stampa a Milanello. Il Milan affronterà questa sera la Roma in casa, un’occasione per dimostrare una volta per tutte di essere una squadra che può lottare per i primi posti, lasciandosi dietro le molte critiche piovute nelle ultime settimane: «Non siamo questi e penso che dobbiamo toglierci di dosso l’etichetta che ci hanno apspiccicato – parla Leonardo - questo clima un po’ negativo che ci circonda. La squadra può fare molto meglio di quanto ha fatto finora e non ci sono opportunità migliori di quelle che abbiamo adesso per dimostrarlo. E’ un momento per la ripartenza. La Roma è un avversario difficile – aggiunge - ma questa non è una squadra in crisi di identità, i ragazzi mi sembrano sereni, in settimana abbiamo lavorato benissimo».

Un Milan che dovrebbe scendere in campo col 4-4-2 con Dinho e Pato coppia d’attacco, ma per Leonardo, un modulo vale l’altro: «I moduli? Non so perché ogni volta abbiamo bisogno di classificare, darci un nome, un riferimento, di descrivere tutto con dei numeri – aggiunge il brasiliano - abbiamo provato il 4-4-2, ma la base della squadra è la stessa, le attitudini dei giocatori restano.

Quindi cambia poco. Quello che conta è il modo di interpretare il modulo». Infine, di nuovo un messaggio di incoraggiamento alla squadra: «Io dico: siamo capaci? Siamo abbastanza bravi? Siamo in forma? Se sì, andiamo e giochiamocela. Il clima di sfiducia è più all’esterno che all’interno della squadra, ma ne risentiamo: la squadra sente raccontare tante cose, compreso che il club sarà ceduto, e non è vero. Tutti hanno problemi in questo periodo, non dobbiamo pensare di averne più degli altri. Il nostro riferimento siamo noi stessi e noi stessi possiamo fare meglio».

© Riproduzione Riservata.