BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESCLUSIVA CALCIOMERCATO/ Galeone: «Giampaolo era praticamente della Juventus poi...»

Pubblicazione:sabato 24 ottobre 2009

06316opu_phixr.jpg (Foto)

Parlare di calcio con Giovanni Galeone è sempre piacevole. L'ex tecnico di Pescare e Udinese (tra le altre) spiega, in esclusiva a ilsussidiario.net, dei suoi tre "ragazzotti", ovvero Giampaolo, Gasperini e Allegri, della Nazionale, di Mourinho e Ferrara, e rivela anche un interessante retroscena di mercato.

 

Mister Galeone, è un momento delicato per i suoi "pupilli". Partiamo da Giampaolo, che a Siena viene pesantemente contestato dai tifosi. Qualcuno ha parlato di un tecnico poco "motivato" dopo le sirene di mercato della Juventus, altri parlano di una squadra non all'altezza della Serie A. Lei cosa ne pensa?

La delusione di non essere approdato alla Juventus è stata fortissima per Marco. C'è da dire anche che la politica del Siena è quella di vendere i migliori giocatori, ha venduto e non ha comprato nessuno. Rispetto allo scorso anno i punti sono pochi, ma la squadra si è anche indebolita. Io vedo poca responsabilità da parte di Giampaolo, l'unica colpa è stata quella di accettare una squadra non all'altezza, il Siena, dal punto di vista tecnico, è una delle squadre destinate a retrocedere. Anzi, Marco (Giampaolo, ndr) sta facendo fin troppo bene con una formazione scarsa.


Anche ad Allegri le cose non vanno bene a Cagliari...

Il Cagliari ha gli stessi punti dello scorso anno se non sbaglio. Ed inoltre sono stati venduti due giocatori importanti, come Fini ed Acquafresca. Soprattutto quest'ultimo era il giocatore che segnava i gol... tutti parlano di Larrivey come di un grande bomber, ma per ora i gol li ha fatti in amichevole da quello che leggo...

 

A Genova qualcuno imputa a Gasperini di insistere troppo sullo stesso modulo, di non saperlo modificare a seconda dell'avversario.

Piero (Gasperini, ndr) probabilmente tende ad insistere sul proprio modulo piuttosto che guardare a quello degli altri. Qualche volta bisogna adattarsi, ma è anche vero che non ha potuto cambiare il modulo anche a causa di defezioni di qualche giocatore importante, vedi Criscito prima, poi Mesto. Sono sicuro che quando avrà tutti a disposizione, tornerà a fare punti che poi, se non sbaglio, sono anche in questo caso gli stessi dello scorso anno, solo che in questa stagione è partito forte per poi rifiatare in questo periodo. E non scordiamoci che il Genoa ha venduto due grandissimi giocatori come Milito e Thiago Motta.

 

Tutti e tre hanno avuto un destino analogo quest'estate. Giampaolo era il prescelto per la panchina della Juventus, di Gasperini si parlava in orbita Milan, mentre per Allegri si era fatto il nome della Roma. Alla fine le tre società hanno scelto altro.

Giampaolo era già della Juventus, ormai era tutto fatto, bisognerebbe chiede ai dirigenti bianconeri cos'è successo... Max (Allegri, ndr), per quanto ne sapevo io, interessava al Milan, ma non è stato vicino, semmai è arrivato sul punto di approdare alla Lazio. Di Gasperini se ne parlava tanto, anche per la Juventus stessa, ma poi la società torinese ha puntato su Ferrara.

 

Puntare su Ferrara, scartando l'ipotesi Giampaolo. Secondo lei la Juve ha fatto una scelta azzeccata?

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO


  PAG. SUCC. >