BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INTER-PALERMO/ Parte stasera la rincorsa di Zenga alla panchina nerazzurra

Pubblicazione:giovedì 29 ottobre 2009

Zenga_R375_12dic08.jpg (Foto)

Walter Zenga l'erede di Mourinho? Le parole di Mourinho sono state inequivocabili. " Sarei contento che Zenga fosse il mio erede all'Inter". Anche Andrea Mandorlini, ai microfoni de ilsussidiario.ent, non aveva nascosto la sua ammirazione per l'attuale allenatore dell'Inter. Mandorlini aveva dichiarato senza mezzi termini "Zenga non sembrava proprio nato per fare l'allenatore... Mi ha molto stupito. E' molto cresciuto ed ha imparato in questi anni il mestiere di tecnico. Si sta dimostrando eccezionale...". In effetti l'Uomo Ragno in questi anni di strada ne ha fatta tanta, partendo proprio dalla gavetta, in campionati spesso ritenuti secondari. Per poi venire in Italia e guadagnarsi la fiducia degli addetti ai lavori.

 

In effetti Zenga dopo aver appeso le scarpe al chiodo, giocando nei New England Revolution negli Stati Uniti, aveva cominciato la sua carriera di allenatore proprio in Usa in questo club nella stagione 1998-99. Tornato in Europa, era stato allenatore al Brera nel 2000-2001, prima di approdare al National Bucarest in Romania, nella stagione 2002-2003, portando la squadra all'ottavo posto e alla finale della coppa nazionale. L'anno seguente aveva vinto il campionato con la Steaua Bucarest. Nella stagione 2005 -2006 era stato l'allenatore della Stella Rossa Belgrado, con la quale aveva conquistato lo scudetto serbo-montenegrino, vincendo per la prima volta nel campionato tutte le partite casalinghe e in più aggiudicandosi anche la coppa nazionale. A luglio 2006 si era trasferito in Turchia per allenare il Gaziantepspor. A gennaio 2007 aveva preferito andarsene in Medio oriente, negli Emirati Arabi Uniti per allenare il club dell'Al-Ain, che aveva poi portato alla finale della President Cup. Nel settembre 2007 era poi tornato in Romania come allenatore della Dinamo Bucarest. Per diventare così il primo allenatore ad aver guidato le tre squadre di Bucarest: Dinamo, National e Steaua.

 

PER CONTINUARE LA LETTURA CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO

 



  PAG. SUCC. >