BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AS ROMA/ Cuore e sudore. Contro l’Inter i giallorossi ritrovano se stessi

Pubblicazione:

Mexes_R375_10dic08.jpg

 

 

La coppia d’attacco Vucinic-Menez ha invece mostrato buon gioco, sin dai primi minuti. Il montenegrino ha corso da subito, cercando il gol e fallendolo clamorosamente in occasione di una cavalcata solitaria verso Julio Cesar. Salvo poi trovare la rete con un colpo di testa davvero sorprendente. Il giovane francese sgattaiolava nella trequarti campo effettuando i suoi tanto amati slalom tra gli avversari, fresco della sua grinta giovanile. E di una fantasia che lascia ben sperare. Per il resto, che altro dire? I falli, inutile negarlo, ci sono stati, anche in maniera imponente. Qualcuno di troppo fischiato contro l’Inter ma anche alcune scorrettezze nerazzurre che non sono state sanzionate. Una vera e propria battaglia tra due ammiraglie, una delle quali ultimamente un po’ ammaccata. Alla fine della fiera, però, le notizie vere sono due: la prima è quella del parziale arresto dell’Inter che, pur rimanendo imbattuta in casa, ha comunque dovuto rinunciare ai tre punti utili per la rapida scalata in direzione Scudetto. La seconda notizia riguarda il nuovo colore della Roma di domenica sera. Una squadra che, partendo dalle partite con Fulham e Inter, può tornare a guardare l’avvenire calcistico con un briciolo di serenità in più. La classifica, si sa, rimane imbarazzante e altrettanto fastidiosi sono gli infortuni, che si confermano una nota dolente per Trigoria. Tuttavia il tunnel di crisi e grigiore ha mostrato, in quel di San Siro, una flebile luce in lontananza. Un bagliore, finora ardentemente desiderato, che lascia intravedere il buon gioco e la grinta. Componenti essenziali per il ritorno della Maggica.

 

(Marco Fattorini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.