BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GENOA/ Preziosi shock: «Si ripeta un altro fatto come domenica e mollo tutto»

Il patron del Grifone è severo sui fatti accaduti domenica: in Italia manca la cultura sportiva

E’ un Preziosi determinato quello che ha parlato quest’oggi in merito alla situazione di Gabriele Amato, 37enne rimasto schiacciato domenica, durante i tafferugli fuori dallo stadio Ferraris: «Domenica ero distrutto per quanto accaduto a Gabriele – spiega il numero uno del Grifone in una conferenza stampa a Pegli - e se qualcosa non cambia, se fatti del genere dovessero ripetersi, potrei anche pensare di lasciare il calcio». Poi il presidente rossoblu continua: «Non sono disposto a tollerare che per una partita qualcuno debba morire o restare ferito in ospedale, che un carabiniere possa prendere una pietra in testa. Non è possibile». Il presidente parla di svolta, di cambiamenti nel mondo del calcio, e chiede ai propri tifosi di dare il buon esempio e di “accogliere” quelli avversari: «Incitiamo i nostri giocatori, non insultiamo i nostri avversari – conclude Enrico Preziosi - l'offesa gratuita indica che non c'è mentalità sportiva, non c'è cultura dello sport».

© Riproduzione Riservata.