BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ROMA/ La Banca Lazard si muove per cedere la società giallorossa

Anche Studio Sport conferma le indiscrezioni che danno la Banca Lazard, consulente della famiglia Sensi, attiva nel cercare acquirenti per comprare la società giallorossa

rosella_sensi_Q375_17set08.jpg (Foto)

La Banca Lazard, banca di investimenti di origine francese ma con forte radicamente negli Usa, si starebbe muovendo come consulente per conto di Italpetroli, per la dismissione di alcuni asset strategici per saldare una parte del debito con Unicredit. Lo afferma il telegiornale di Mediaset Studiosport, che ritiene che la società giallorossa sarebbe uno degli asset da vendere, per rientrare dal debito di 370 milioni di euro con Unicredit.

Già nei giorni scorsi però si era parlato dell’attività della Banca Lazard per conto della famiglia Sensi. Alessandro Catapano riportava infatti, il 22 febbraio sulla Gazzetta dello Sport, la notizia di una possibile cessione di alcuni asset della famiglia Sensi.

Il giorno successivo, alla rituale smentita da parte della società giallorossa, Catapano replicava così: «Partiamo dalla fine del comunicato di Italpetroli di ieri. Cosa avevamo scritto? Cerchiamo di rispettare la cronologia degli eventi: la Italpetroli ha un debito con le banche che sfiora i 400 milioni di euro, da estinguere in tre rate: la prima (da 130 milioni) è scaduta il 31 dicembre e i soldi non sono arrivati; perciò è stato affidato alla banca d'affari Lazard il compito di mettere sul mercato gli asset del gruppo, compresi i terreni di Torrevecchia e i depositi e la torre petrolifera di Civitavecchia, a cui i Sensi sono disposti a rinunciare pur di tenersi la Roma. Lazard ha inviato dei fascicoli informativi che hanno riscosso l'interesse di alcuni soggetti, tra cui la Saras di Moratti e la Erg di Garrone. Lazard ha valutato gli asset di Civitavecchia circa cento milioni. Se l'interesse verrà confermato, successivamente partirà un'asta tra i possibili acquirenti».

E ancora: «Nel comunicato di Italpetroli si precisa che “... la banca d'affari Lazard è un consulente di Italpetroli e nessun incarico di alcun genere le è stato conferito in relazione agli asset di Italpetroli da parte di Unicredit... Lazard, infatti, sta operando al fine di reperire possibili opportunità di valorizzazione di alcune attività, incluse quelle petrolifere, dove non si escludono possibili partnership con soggetti terzi”.

Dunque, per la prima volta si dice che si sta operando sulle attività petrolifere. E si parla di “possibili partnership”. Possibili, sì: le partnership sono la soluzione più gradita ai Sensi, ma meno a Unicredit, ansiosa di recuperare i suoi crediti. Aggiungiamo – concludeva Catapano - un paio di notizie: tra i soggetti interessati agli asset c'è anche la Total (nota compagnia petrolifera francese) e di tutta la vicenda, per conto di Italpetroli, si stanno occupando Marco Staffoli e Lorenzo Colonna, mariti di Rosella e Cristina Sensi».

© Riproduzione Riservata.