BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MILAN/ 300 volte Inzaghi, Mondonico: «E' il gol ad essere innamorato di lui…»

Pubblicazione:

Inzaghi300_R375_15mar09_phixr.jpg

«Non è Inzaghi ad essere innamorato del gol, è il gol ad essere innamorato di Inzaghi…». Sono queste alcune delle parole rilasciate in esclusiva da Emiliano Mondonico a Ilsussidiario.net, in occasione del 300esimo gol dell’attaccante rossonero. «Nessun’altra spiegazione è possibile – continua il mister - perché non c’è una spiegazione logica al fatto che lui si trovi sempre al posto giusto nel momento giusto. L’unica spiegazione è che è il gol che lo va a cercare». Un Emiliano Mondonico che conosce da vicino Inzaghi, avendolo allenato nel lontano 1996-1997 a Bergamo, nella sorprendente Atalanta che per tutto il girone di andata rimase a ridosso delle primissime posizioni. E proprio in quella stagione Inzaghi vinse la classifica capocannonieri, l’unica volta che il bomber piacentino raggiunse quel traguardo: «Per lui è stata senza dubbio una bella annata – spiega Mondonico - ha fatto 24 gol. Dire che poteva farne il doppio non è una bestemmia. La squadra giocava in funzione di Inzaghi, neanche con Ferrante al Toro ho avuto una squadra che giocasse in funzione della punta come quell’Atalanta per Inzaghi, con grande piacere e con  un grande entusiasmo. Molte mie squadre giocavano per la prima punta, parlo di Ferrante, di Silenzi, ma il feeling che c’era tra l’Atalanta e Inzaghi era unico».

Prossimo obiettivo è ora toccare quota 318, lo score del Divino Roberto Baggio. Più avanti si entra nell’olimpo con Peppino Meazza, a quota 338 e Silvio Piola con 365 reti, il primo in assoluto. Facendo un breve calcolo, Inzaghi, sta tenendo una media di circa 12 gol a stagione. Di anni ne ha 35 e se giocasse fino a 40, cosa non impossibile in quel di Milanello, arriverebbe a sfiorare addirittura il mostro sacro di Lazio, Juventus e Novara, con qualche anno in meno di carriera. A quel punto, forse, Inzaghi, potrebbe definitivamente appendere le scarpe al chiodo.



© Riproduzione Riservata.