BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

JUVENTUS/ Beccalossi su Cassano: «Che tridente con Del Piero e Giovinco!»

Anche l’ex gloria nerazzurra apre all'ipotesi di vedere Fantantonio in bianconero  

Cassano_R375_18feb09.jpg (Foto)

Continuano ad arrivare attestati di stima da parte del mondo del calcio per Cassano ed in particolare per un suo probabile approdo in bianconero. L’ultimo in ordine di tempo è quello dell’ex stella dell’Inter Evaristo Beccalossi:

 

«Cassano rischierebbe di non avere subito la sicurezza di un posto da titolare – spiega il “Becca” a Tuttosport - e uno come lui deve giocare, sempre. A patto che... Beh, un’idea l’avrei. Un po ‘pazza ma quanto mi stuzzica. Cassano centravanti atipico, con Del Piero e Giovinco trequartisti un po’ più dietro. Naturalmente a supporto occorrerebbero tre centrocampisti disposti al sacrificio e con grandi attributi. Bello sognare un trio del genere». Poi continua: «Antonio è rifiorito nella Samp. Dev’essere molto riconoscente all’ambiente blucerchiato che gli ha dato la possibilità di riemergere. Ma è chiaro che uno come lui ambisca ai massimi palcoscenici. Prima o poi tornerà dove tra l’altro è già stato, cioè a competere per lo scudetto e magari per la Champions ».

 

Un Cassano escluso dalla Nazionale, proprio come capitò allo stesso Beccalossi qualche anno fa: «Anche a me è successo di essere escluso dalla Nazionale – spiega l’ex nerazzurro - erano gli Anni 80, si cercò di creare un dualismo tra me e Antognoni. Inutilmente, perché ho sempre avuto grande stima di Giancarlo. E poi mica era colpa sua... A me Cassano piace tantissimo – prosegue - ci accomuna il senso della fantasia, il gusto della bella giocata. Sul fatto comportamentale neanch’io ero uno scolaretto modello. Quando eccedevo, i vari Oriali, Bordon, Altobelli e Beppe Baresi mi mettevano subito in riga». Poi conclude: «Il nostro ct possiede grande personalità, è un vincente ed è un cultore della filosofia del gruppo. Credo che stia cercando di ricostruire un altro collettivo che sia in grado di imporsi come in Germania nel 2006. E Antonio pare non rientrare in questo schema. Ma mai dire mai, però. Se Cassano continuerà a esprimersi su questi livelli e completerà il processo di maturazione, credo che sarà difficile continuare a ignorarlo ».

© Riproduzione Riservata.