BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MILAN/ Idea Benzema, "bastano" Ronaldinho e 35 milioni

Il futuro della società rossonera dipende tutto dal raggiungimento del terzo posto, in quel caso si potrebbe pensare a una star europea come il francese

benzema_R375x255_27nov08.jpg (Foto)

Il messaggio di qualche giorno fa di Galliani era abbastanza chiaro, o sarà terzo posto e quindi il ritorno in Champions dalla porta principale (senza i preliminari), o per il Milan inizierà un periodo di ridimensionamento da tutti i punti di vista. Un altro anno senza gli introiti della vecchia Coppa dei Campioni sarebbe un fallimento che i rossoneri vorrebbero evitare, perché gli effetti potrebbero essere devastanti. Si partirebbe da un mercato molto soft, con giocatori di medio livello, con qualche parametro zero, ma l’aspetto principale è la riduzione di alcuni stipendi molto onerosi, che potrebbe portare anche ad una fuga (o alla cessione) di qualche campione rossonero, magari proprio quel Kakà che solo poche settimane fa rifiutava i milioni arabi. Una situazione che i tifosi rossoneri non vorrebbero vedere , soprattutto alla luce dello scorso anno, con il pessimo andamento della stagione. A rischiare non è solo Ancelotti ma anche e soprattutto i giocatori stessi (oltre a Galliani e soci), perché la crisi è ben visibile a tutti e si sta propagando anche nel mondo del calcio. Per questo la qualificazione in Champions League viene vista come la chiave necessaria per costruire un grande Milan. Già, perché nella testa dei dirigenti rossoneri, c’è la prospettiva di costruire un grande Milan, soprattutto in fase offensiva (nel reparto difensivo ci sarà qualche ritocco, vista anche la presenza dal prossimo anno di Thiago Silva) dove si cercherà di acquistare un big, un grande giocatore che possa formare con Pato una coppia irresistibile.

L’identikit potrebbe essere quello di Karim Benzema, forte centravanti del Lione e della Nazionale francese, sogno di quasi tutte le big d’Europa (in particolare del Barcellona). In questi giorni, sarebbero stati avviati alcuni timidi contatti con il presidente Aulas, personaggio da sempre molto abile nel trattare. Il cartellino di Benzema è in vendita, il prezzo è fissato sui 70 milioni di euro, cifra che ha spaventato la dirigenza di Via Turati. Ma c’è un asso nella manica di Galliani e soci, un giocatore particolarmente apprezzato dal foco presidente francese, Ronaldinho. Il brasiliano, dopo un inizio scoppiettante, si è smarrito improvvisamente, forse a causa del troppo stress, fisico e mentale, che comporta il campionato italiano. Non è più visto titolare inamovibile, spesso è andato in panchina e voci provenienti dal suo entourage, parlano di un giocatore che sembra non più tanto sicuro di una sua permanenza a Milano. Il Milan pensa ad un clamoroso scambio con il Lione, ovviamente con un forte conguaglio economico a favore del Lione. Si vocifera di una possibile offerta di 35 milioni di euro più il cartellino del brasiliano per cercare di strappare al Lione il talento franco-algerino (la società francese vorrebbe rimpiazzarlo con Anelka). Ovviamente si tratta ancora di fasi preliminari, e soprattutto c’è un terzo posto da conquistare, altrimenti il futuro per il Diavolo sarà poco roseo.

© Riproduzione Riservata.