BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

JUVENTUS/ Lapo Elkann chiama Cassano: «Spero di vederlo in bianconero»

Pubblicazione:

john_lapo_elkann_R375x255_R375x255.jpg

Lapo Elkann mette le vesti da tifosissimo della Juventus e torna a parlare delle polemiche di questi giorni con Mourinho, di Cassano e del futuro della squadra bianconera. Le prime parole sono tutte per il tecnico portoghese: «Non ho più niente da aggiungere sulla querelle dopo il consiglio di andare da Bonolis – spiega Elkann a Tuttosport - professionalmente è valido, sì un allenatore che indiscutibilmente possiede delle capacità. Ma il resto è avanspettacolo. Intanto, la Samp lo ha subito spazzolato... Ed essendo io simpatizzante di Cassano...

Qui comunque c’è da cambiare registro, bisogna svelenire il clima. Lo sport americano ha parecchio da insegnare».

Già, la Sampdoria e Cassano, quest’ultimo un giocatore che Lapo non ha mai nascosto di ammirare: «Sì. E’ un elemento positivo – aggiunge Elkann parlando del talento barese - gioca con stile e classe che pochi possiedono. Ci siamo sentiti vicini nei momenti brutti e belli, è un amico. Credo sia il valore aggiunto per il calcio italiano. Gran giocatore, umanamente più forte di prima, ha il controllo di sé. Sta bene e questo lo aiuta nella professione. Sono contento per lui. Mi piacerebbe vederlo in bianconero, lo dico da una vita. A chi non piacerebbe? Meriterebbe la Nazionale, ma chi decide...».

 

Una battuta quindi sulle prossime due gare cruciali per il proseguo del campionato della Juventus, il derby contro il Torino e il ritorno degli ottavi di Champions contro il Chelsea: «Bisogna vincere entrambe le gare, puntare in alto. Mantenendo i piedi per terra, perché non si gioca in cielo. Non ho segreti: sogno quella che un tempo era la Coppa campioni più che lo scudetto».

Infine alcune parole su Del Piero, il vero leader della squadra e su Nedved, ormai prossimo al ritiro: «Il leader è il capitano – aggiunge Lapo - per dire della grandezza di Alessandro Del Piero, in Israele lo hanno elogiato sul quotidiano più importante. Come persona, ha i controc...i. Ingiusto comunque dare i meriti a uno, conta la squadra, e senza una squadra forte non si vince. Nedved lascerà? E’ un grande giocatore, un padre di famiglia. Ha dato tanto al suo Paese e alla Juve, con gran fervore e capacità di gioco. Mi spiace se lascia. La vita però non è solo calcio. Chiunque lo abbia visto giocare – conclude - non può che applaudirlo».



© Riproduzione Riservata.