BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA/ Compagnoni (Sky Sport): «Juventus, Inter e Roma: troppi infortuni mettono a rischio il passaggio»

MAURIZIO COMPAGNONI inviato di Sky Sport analizza le tre gare di Champions che vedranno di scena le squadre italiane. Troppi infortuni che hanno decimato alcuni reparti possono mettere a repentaglio il passaggio del turno

nedved_chelsea_R375x255_09mar09.jpg (Foto)

«Juventus, Roma e Inter arrivano in uno dei momenti più delicati della stagione, zeppe di infortuni in reparti fondamentali. Si fa un gran parlare dei due centimetri e dei palloni sulla riga, ma nessuno parla dei numerosi infortuni che colpiscono le nostre squadre. Queste cose non succedono al Barcellona, al Real, al Bayern e alle squadre inglesi. In Italia sì. Perché?». Maurizio Compagnoni, inviato di Sky Sport, voce conosciuta e amata dai tifosi, analizza per ilsussidiario.net la situazione delle squadre italiane.

Come si presentano le italiane alle sfide di martedì e mercoledì?

Arrivano a queste tre difficili sfide non al meglio, tra infortuni e alcuni giocatori non al top della condizione fisica. Sicuramente non è il momento migliore per affrontare le inglesi in Champions.

Quanto peseranno gli infortuni?

La Roma è forse quella messa peggio: ha il centrocampo massacrato dalle assenze. Ma anche la Juve e l’Inter dovranno fare i conti con gli infortuni. E’ un peccato. Sono tre sfide bellissime e le nostre arrivano menomate. Poi ci si potrebbe intererrogare sul perché, se si tratta solo di casualità o c’è dell’altro.

Spiegaci meglio...

Gli infortuni sono troppi e non può esserci solo casualità e sfortuna. Bisogna rivedere tutta l’impostazione della stagione. In Premier non mi pare che il Manchester, il Liverpool o altre squadre accusino infortuni di tali dimensioni e quantità come avviene alle nostre squadre del nostro campionato. Lo stesso discorso vale anche per le grandi d’Europa come Barcellona, Real, Bayern. Perché non hanno tutti gli infortuni che abbiamo noi?

Sarebbe un problema da analizzare e affrontare…

Certamente, e il dibattito costruttivo e interessante dovrebbe vertere su questi argomenti non sulle polemiche arbitrali o sui presunti gol. Sono anni che le nostre squadre di vertice hanno infortuni impressionanti. Chiedersi perché l’Inter arriva senza difesa e la Roma senza centrocampo e la Juve, nonostante il capolavoro fatto da Ranieri col tourover, arriva senza Marchionni e Sissoko.

Cosa è mancato ai bianconeri a Londra?

E’ mancato solo il gol. I bianconeri hanno avuto qualche occasione e ci può anche stare che il Chelsea in casa possa segnare. Ci voleva un gol e la Juve ha avuto anche l’azione per farlo. Ha sciupato un’occasione, visto che negli ultimi 20 minuti il Chelsea mi sembrava molto stanco. Credo sia mancato solo questo.

La carta vincente per passare il turno?

L’arma in più su cui deve puntare è il reparto dove sta meglio e c’è più abbondanza: l’attacco. Ranieri partirà con Trezeguet–Del Piero ma ha la possibilità di inserire uomini del calibro di Amauri e Iaquinta. Sono giocatori che possono risolvere la partita in ogni istante.

A centrocampo giocherà la coppia Poulsen-Tiago?

E' una scelta praticamente obbligata viste le assenze pesantissime di Marchionni e Sissoko. In più anche Camoranesi è out e "Brazzo" rientra dall’infortunio. Di fronte avranno un centrocampo del calibro di Ballack, Mikel, Lampard e l’aiuto di Malouda. Non sarà semplice.

Il tuo pronostico?

Con Marchionni e Sissoko le avrei messe alla pari. Ma senza i due centrocampisti direi un 35% per la Juve e un 65% per il Chelsea.

.

Cosa è mancato all'andata?

La Roma ha regalato completamente il primo tempo all’Arsenal. Spalletti aveva sbagliato la formazione, lasciando Pizarro in panchina. La squadra era scesa in campo terrorizzata, impaurita, senza personalità. Ma è andata bene così, visto che l’Arsenal meritava di vincere con più gol di scarto. Sono certo, e mi aspetto, che la Roma non ripeterà gli errori dell’andata.

La carta vincente per passare il turno?

Senza il centrocampo titolare è dura. Ci vuole una grande prova in cui tutti danno il 100%: se qualcuno fallisce mette in difficoltà i compagni. Credo che la formazione non sarà quella che si sente in giro. Mi sembra difficile che possano giocare Totti, Baptista e Vucinic, con il Capitano al 50% di forma e il brasiliano non al meglio. Tutti insieme, tatticamente, mi sembrano una pazzia. E’ difficle poi farsi un’idea se giocheranno Aquilani o Pizarro.

Il tuo pronostico?

Senza Aquilani e Pizarro le percentuali di passare il turno crollano. Se scendono in campo direi un 40% Roma e un 60 % Arsenal.

.

Sui nerazzurri la pensi come Ferguson?

Sì. Anch’io mi aspetto un’Inter molto molto prudente che punta ai supplementari. Senza catenaccio, perché c’è il rischio di abbassarsi e il Manchester può segnare più facilmente. Proverà a bloccare tatticamente la partita.

Cosa mancò a San Siro?

Forse è stata troppo timida quando ha regalato il primo tempo agli avversari. Ma se si apriva di più il Manchester avrebbe potuto punire i nerazzurri. E forse lo 0-0 era il risultato che voleva Mourinho, visto che con il suo Porto fece lo stesso risultato all’andata e poi passò il turno. Possibilità di passare il turno: 35% contro 65%. Può darsi che Mourinho giochi la carta Balotelli. Insomma poche possibilità di passare il turno… Troppi infortuni. Certo che se avessimo giocato queste tre partite con le squadre al completo parleremmo sicuramente di altre percentuali.

© Riproduzione Riservata.