BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

TERREMOTO ABRUZZO/ Tutto lo sport italiano abbraccia le vittime del sisma

Il Coni e tutto il movimento sportivo italiano hanno deciso di attuare aiuti concreti per la popolazione abruzzese

Lo sport non si ferma, di fronte alla sciagura che ha colpito l'Abruzzo, ma ancora una volta partecipa, si mobilita e conferma una straordinaria sensibilità nei confronti delle persone che soffrono in questo momento. Il movimento sportivo italiano è solidale ed estremamente disponibile: da domani a domenica, infatti - annuncia il Coni - in tutte le manifestazioni di qualsiasi disciplina o ente di promozione, verrà osservato un minuto di raccoglimento. Sempre in segno di lutto per le vittime del terremoto, su tutti i campi dove si disputeranno le partite del prossimo turno di Serie A, B e del campionato Primavera - a quanto deciso oggi dalla Lega Calcio - i calciatori scenderanno in campo con il lutto al braccio (l'Udinese lo farà anche in Coppa Uefa, giovedì a Brema, dov'é in programma l'andata dei quarti di finale contro il Werder). Fioccano, in queste ore di grande sconforto, anche le iniziative finalizzate a sostenere concretamente le popolazioni terremotate.

La prima arriva dall'ex presidente del Coni, Mario Pescante (abruzzese di Avezzano), che ha proposto di far disputare nello stadio dell'Aquila le partite della Nazionale di calcio ai Giochi del Mediterraneo. L'ex capo dello sport italiano ha inoltre confermato che, nonostante la tragedia, la manifestazione prevista in Abruzzo si svolgerà ugualmente. La Bancatercas Teramo, squadra che milita nel campionato di Serie A/1 di basket, invece, ha chiesto e ottenuto il rinvio della partita in programma sabato prossimo contro la Fortezza Bologna. Le due squadre si ritroveranno il 30 aprile. Mentre il calcio a 5 ha rinviato due giornate di campionato, tutto il mondo del pallone è in mobilitazione, con una serie di iniziative a sfondo economico: tra queste, per la serie A, la decisione di Napoli, Catania e Chievo di devolvere gli incassi delle partite che giocheranno sabato - ospitando rispettivamente Atalanta, Sampdoria e Chievo - in favore della popolazione abruzzese.

Il presidente dell'Udinese, Giampaolo Pozzo, ha promesso un aiuto concreto per L'Aquila ed i suoi cittadini. Anche la Roma scende in campo per aiutare i terremotati dell'Abruzzo. I calciatori giallorossi - da Totti a De Rossi, passando per Panucci, Vucinic e Mexes - hanno infatti messo a disposizione di un programma radiofonico e proprie maglie autografate, per un'asta di beneficenza. I fondi raccolti dalla trasmissione serviranno per l'acquisto di due camper da riempire di aiuti e donare agli abitanti di Onna. I giocatori della Fiorentina, dal canto loro, si sono già mossi per raccogliere fondi da devolvere ai terremotati: lo ha reso noto il difensore viola Luciano Zauri, abruzzese di Pescina (L'Aquila), che ha inoltre annunciato di voler fare, a titolo personale, "qualcosa di importante per la mia terra".

La Federazione italiana cronometristi, per andare incontro alle esigenze dei cronos rimasti senza tetto, ha promosso una raccolta di fondi destinata alle esigenze più immediate dei colleghi. Un'altra sottoscrizione arriva dall'Assocalciatori (Aic), sollecitata dagli stessi tesserati: saranno chiamati ad aderire gli atleti delle squadre di A, B e Lega Pro. Altre sottoscrizioni arrivano dal mondo della pallavolo e del basket. Lance Armstrong e la Fondazione che porta il suo nome, porgono le condoglianze e sono vicini alle popolazioni abruzzesi. Il ciclista statunitense ha chiesto agli organizzatori del Giro d'Italia di poter dare un aiuto alle popolazioni colpite. Angelo Zomegnan, direttore della corsa, gli ha risposto che "la sua stessa presenza al prossimo Giro d'Italia, quello del Centenario, rappresenterà un momento di gioia, in particolare nelle zone vicine a quelle colpite dal sisma".

© Riproduzione Riservata.